Corona punta di diamante dell’ecoturismo con Corona Island, la prima isola al mondo senza plastica monouso verificata blu

Share

Aperta al pubblico nell’estate 2023, l’oasi naturale ha raggiunto il più alto livello di verifica della sostenibilità secondo il Blue Standard di Oceanic Global

Oggi, il marchio globale di birra Corona annuncia la grande apertura di Corona Island, una destinazione tropicale sostenibile per l’eco-turismo al largo delle coste della Colombia. Un’isola paradisiaca unica nel suo genere, Corona Island è priva di plastica monouso, incoraggiando gli ospiti a riconnettersi con il mondo naturale attraverso esperienze di ospitalità coinvolgenti.

Come birra prodotta con ingredienti naturali nata in spiaggia e primo marchio globale di bevande con un’impronta di plastica netta zero*, Corona ha collaborato con l’organizzazione no-profit internazionale Oceanic Global per creare la prima isola Blue Verified.

Corona Island ha ottenuto il Blue Seal a tre stelle senza plastica di Oceanic Global per eliminare la plastica monouso e adottare le migliori pratiche operative sostenibili su larga scala. Dalla costruzione alla produzione di energia, dall’approvvigionamento alimentare alle esperienze degli ospiti in loco, la sostenibilità è al centro di ogni decisione e punto di contatto di Corona Island.

“A Corona Island, stiamo celebrando la maestosità e la bellezza della vita all’aria aperta coinvolgendo gli ospiti nella protezione del paradiso”, ha dichiarato Felipe Ambra (in foto), Global Vice President di Corona. “Tutti i membri del team, dai nostri chef ai nostri architetti, hanno contribuito a creare un vero paradiso plastic-free monouso. Non vediamo l’ora di accogliere i visitatori, riaccendere il loro rapporto con la natura e, si spera, creare più sostenitori per proteggere il nostro mondo naturale”.

“Oceanic Global è onorata di contribuire a sviluppare l’esperienza di Corona Island e plaude agli sforzi di sostenibilità leader del settore di Corona”, ha dichiarato Lea d’Auriol, fondatrice e direttore esecutivo di Oceanic Global. “Siamo orgogliosi di aver lavorato con Corona sin dall’inizio del progetto per garantire che questa destinazione sostenibile dimostri come i viaggiatori possano vivere il paradiso sia per scopi ricreativi che educativi, lasciando una traccia minima”.