Traffico di identità: Italia più colpita in Ue

Share

Secondo Pierguido Iezzi (nella foto), amministratore delegato di Swascan, società di cybersecurity, la riuscita dell’operazione dell’Europol che ha visto l’arresto di 150 persone per traffico di beni illegali nel dark web è “ottima” ma, sottolinea, solo “una goccia nel mare” di quello che avviene nel lato più nascosto di internet, un fenomeno che interessa molto l’Italia, “il paese più colpito dal commercio illegale di dati e credenziali in Europa. Il Dark web si è trasformato in un e-commerce criminale sempre più facilmente accessibile a tutti, attirando una crescita esponenziale di nuovi utenti disponibili a queste transazioni illegali”, dice Iezzi.

“Questo ha portato sia a una doverosa attenzione da parte delle autorità, sia a una presenza sempre maggiore di criminali che fanno uso di questo mercato nero, fortunatamente meno abili e capaci dal punto di vista digitale”.

“La notizia del successo dell’operazione portata avanti dall’Europol è sicuramente ottima ma è una goccia nel mare nel mercato del Dark web”. Swascan (Tinexta Cyber) ha ribadito con una sua ricerca come Italia sia la nazione più colpita dal commercio illegale di dati e credenziali in Europa (e la seconda su scala mondiale).

Che questi arresti siano avvenuti anche in Italia “non deve sorprendere”, perché “solo poche settimane fa un gruppo di ‘Money mule’ collegato al riciclaggio era stato arrestato a Genova”. L’universo del cyber crime dovrebbe riguardare soprattutto l’Italia perché da un lato è qui che spesso vengono arrestati “i trafficanti”, ma dall’altro l’Italia “è anche bersaglio principe di traffici di dati e credenziali rubate, oltre ad essere sempre più colpita da Cyber attacchi”.

Ed è “proprio analizzando Genesis, uno dei marketplace più popolari per il traffico di botnet, reti di computer infetti utilizzati per sottrarre dati sensibili”, termina Iezzi, “che Swascan ha identificato come l’Italia sia la nazione più colpita in Europa e la seconda a livello globale”.