Così l’Egitto ha nascosto gli ultimi sms di Regeni

Share

Manomessa la lista dei messaggi spediti da Giulio agli amici. I pm del Cairo a Roma, senza risultati si rischia una nuova crisi

giulio-regeniLa lista dei messaggi spediti da Giulio Regeni agli amici del Cairo e quelli scambiati tra questi ultimi, consegnata dall’Egitto alla procura di Roma, non è completa. Ne mancano alcuni, che risultano invece dai tabulati controllati dagli inquirenti italiani. Un dato allarmante perché alimenta il sospetto che quella lista possa essere stata manomessa, corretta. E lo stesso potrebbe essere accaduto per altri elementi utili fare luce sulla morte del ricercatore friulano che, per conto dell’Università di Cambridge svolgeva al Cairo un’analisi del sindacato autonomo degli ambulanti oppositori al regime di Al Sisi. Il traffico telefonico insomma è ancora un mistero. Questo almeno per quanto concerne il materiale affidato cinque mesi fa dagli egiziani durante il primo vertice romano. Bisogna capire, invece, che cosa si scoprirà dalla mole di materiale portato ieri pomeriggio. Ci sono moltissimi documenti ma tutti cartacei e scritti in arabo. La speranza è che emergano elementi utili dal nuovo vertice, che si chiuderà oggi tra il Procuratore Giuseppe Pignatone, l’aggiunto Francesco Caporale e il pm Sergio Colaiocco da una parte e il Procuratore Generale della Repubblica Araba d’Egitto Ahmed Nabil Sadek e il suo team investigativo. Il clima, nell’incontro di ieri pomeriggio, è stato disteso, interlocutorio e collaborativo. Si tratta però di vedere se oggi si trasformerà in qualcosa di concretamente produttivo. Perché è evidente che altrimenti si aprirebbe una nuova crisi politica come quella che, dopo il fallimento del precedente summit, portò al rientro del nostro ambasciatore al Cairo.
A parte il traffico telefonico si aspettano rivelazioni sulle telecamere della metropolitana sotto l’abitazione del giovane al Cairo. L’Egitto lo scorso aprile fa aveva garantito che avrebbe inviato l’hard disk da esaminare alla dieta tedesca che lo ha costruito, ma questa non lo ancora ricevuto. A nulla è valsa la disponibilità del nostro Paese di occuparsi della spedizione e dei costi che comporta l’operazione.
Stavolta si riuscirà a spezzare la catena di omissioni, esistenze, reticenze, sulla morte di Giulio Regeni? Il ventottenne è stato barbaramente torturato per nove giorni prima di essere ucciso e abbandonato alla periferia del Cairo il 3 febbraio scorso. I nostri inquirenti hanno chiesto i dati grezzi sul traffico telefonico, utili per verificare chi era presente al momento del sequestro e del ritrovamento del cadavere in modo da confrontare le utenze con quelle dei poliziotti che hanno ritrovato i documenti del giovane nella casa di alcuni banditi del tutto estranei all’omicidio. Sono stati quei poliziotti a portare il passaporto di Giulio e il suo tesserino universitario in quella casa? In assenza del materiale completo, di un cd, è difficile capire la verità. Perché le sintesi su file Excel non solo è inefficiente ma può, appunto, essere manovrata.
E restano l’amarezza, il dolore, e l’orrore per quel giovane corpo martoriato. Le 224 pagine della perizia dei medici legali Vittorio Fineschi e Marcello Chiarotti sono il quadro dell’orrore. L’autopsia, grazie ai test sul livello di potassio, conferma che il decesso è avvenuto nelle ultime 24 ore prima del ritrovamento. Il resto è tristemente noto: ossa e denti spezzati, tumefazioni, sfregi sul corpo (sul dorso c’è una E rovesciata). Un team formato da polizia e carabinieri, di Sco e Ros, per oltre due mesi ha seguito le indagini sul posto senza però essere autorizzato a ricerche autonome. Oggi potremo avere finalmente risposte decisive o assisteremo al solito copione di apparente cooperazione? La disponibilità dell’Egitto, ieri sera, si è anche manifestata con un invito a cena dei nostri inquirenti, insieme ai colleghi del Cairo, all’ambasciata egiziana. E intanto i genitori di Giulio, Paola e Claudio Regeni, assistiti dall’avvocato Alessandra Ballerini insistono nel chiedere giustizia e verità.

La Stampa

Share
Share