Boom dell’acquacoltura: produzione record da mld

Share

Nel 2021, nell’Unione Europea (UE) sono state coltivate circa 1,1 milioni di tonnellate di pesci, molluschi e crostacei in ambienti controllati, come laghi e vasche speciali. Questi organismi acquatici hanno un valore di circa 4,2 miliardi di euro. Questa pratica è chiamata acquacoltura o aquafarming.

Quattro paesi dell’UE hanno contribuito in modo significativo a questa produzione. La Spagna è stata la principale, con il 25% della produzione totale, seguita dalla Francia con il 17%, e poi Italia e Grecia, entrambe con il 13%.

Tuttavia, la Norvegia ha superato l’UE, producendo 1,6 milioni di tonnellate di organismi acquatici, principalmente salmoni di allevamento.

La produzione in UE si concentra principalmente su alcune specie di pesci come la trota, l’orata, la spigola, la carpa, il tonno e il salmone, insieme a molluschi come le cozze, le ostriche e le vongole. Queste specie rappresentano la maggior parte della produzione acquicola in termini di quantità nel 2021.

I prezzi di questi organismi acquatici variano. Nel 2021, la trota e la spigola hanno avuto un valore superiore rispetto ad altre specie in UE, contribuendo ciascuna al 14% del valore totale dell’acquacoltura in UE durante quell’anno.

Inoltre, ogni paese dell’UE si specializza nella coltivazione di specifici organismi. Ad esempio, la Spagna è stata il principale produttore di cozze del Mediterraneo, mentre la Francia ha allevato la maggior parte delle ostriche a coppa del Pacifico e fornito molte cozze blu d’allevamento. L’Italia si è specializzata nella coltivazione di rivestimenti per tappeti giapponesi, la Grecia ha prodotto molta orata e spigola europea, Malta ha contribuito alla produzione di tonno rosso dell’Atlantico d’allevamento, e l’Irlanda è stata la principale produttrice di salmone d’allevamento nel 2021.