Saipem: assegnati tre nuovi contratti EPC in Angola, per un valore complessivo di circa 900 milioni USD

Share

Saipem ( Francesco Caio, nella foto, amministratore delegato) si è aggiudicata tre nuovi contratti (uno onshore e due offshore) da New Gas Consortium costituito da due società controllate al 100% da Azule Energy (Eni Angola Exploration B.V. e BP Exploration (Angola) Limited), Sonangol P&P, Chevron, TotalEnergies, per le attività di Ingegneria, Procurement e Costruzione (EPC) volte allo sviluppo del giacimento di Quiluma & Maboqueiro al largo della costa nord-occidentale dell’Angola.

Per un valore complessivo di circa 900 milioni USD, Saipem svilupperà l’ingegneria di dettaglio, il procurement e la costruzione, inclusa l’assistenza alle attività di allacciamento e di avviamento, della piattaforma di Quiluma nonché del relativo impianto onshore di trattamento del gas naturale. Questo conferma la fiducia dei clienti in Saipem per l’esecuzione di progetti complessi sia a livello di tecnologia che di logistica, realizzati nel rispetto del local content ed in conformità con i più alti standard di sostenibilità ambientale. Nello specifico, si tratta del primo progetto sviluppato in Angola relativo ad un giacimento esclusivamente di gas naturale (“Non-associated Gas”).

La partecipazione allo sviluppo di tali giacimenti nel “Lower Congo Basin”, che porteranno ad un incremento del volume di gas estratto dall’impianto di Angola LNG destinato al mercato internazionale e domestico, permette a Saipem di consolidare ulteriormente il proprio posizionamento strategico in West Africa ed in particolare in Angola, paese in cui l’azienda opera da oltre 40 anni.

Saipem è una piattaforma tecnologica e di ingegneria avanzata per la progettazione, la realizzazione e l’esercizio di infrastrutture e impianti complessi, sicuri e sostenibili. Da sempre orientata all’innovazione tecnologica, Saipem è oggi impegnata al fianco dei suoi clienti sulla frontiera della transizione energetica con mezzi, tecnologie e processi sempre più digitali e orientati sin dalla loro concezione alla sostenibilità ambientale. Quotata alla Borsa di Milano, è presente in 73 paesi del mondo e impiega circa 32mila dipendenti di 130 diverse nazionalità.