Johnson & Johnson ,stop al talco tradizionale

Share

Johnson & Johnson (con Alex Gorsky, in foto, nel ruolo di Presidente esecutivo) cesserà di vendere la sua famosa polvere per bambini a base di talco a livello globale nel 2023. La decisione è arrivata dopo che la società ha smesso di commercializzare il prodotto negli Stati Uniti e in Canada nel 2020, citando un calo della domanda dei clienti a causa di problemi di sicurezza su quello che è uno dei suoi prodotti più famosi.

J&J sta attualmente affrontando migliaia di cause legali che sostengono che il talco ha danneggiato le donne che lo usavano da anni. J&J ha affrontato le cause e i verdetti sostenendo che la sua polvere contenente talco è sicura.

«Come parte di una valutazione del portafoglio mondiale, abbiamo preso la decisione commerciale di passare a un portafoglio di borotalco interamente a base di amido di mais», ha affermato la società.

Nel 2020, J&J ha affermato che la disinformazione sul prodotto e «una raffica costante di pubblicità dei contenziosi» avevano causato il calo della domanda di Johnson’s Baby Powder a base di talco in Nord America.

Nelle cause legali si afferma che il talco, un minerale che viene frantumato per creare il borotalco di Johnson, può causare infiammazioni che portano al cancro. Alcune delle cause affermano inoltre che l’amianto nella polvere ha provocato il cancro nelle persone che utilizzavano il talco. L’amianto è da tempo stato collegato a un aumento del rischio di mesotelioma.

Nell’ottobre 2019, la società ha richiamato circa 33 mila confezioni di Johnson’s Baby Powder dopo che la Food and Drug Administration statunitense ha rinvenuto una piccola quantità di amianto in un flacone. Johnson & Johnson ha dichiarato di aver emesso il richiamo per eccesso di cautela, incaricando i propri laboratori di testare la bottiglia e altre presenti nel lotto. L’azienda ha concluso che non c’era amianto rilevabile.