PRISMI, il CdA delibera l’emissione di un prestito obbligazionario

Share

 PRISMI S.p.A. (nella foto, l’a. d. Alessandro Reggiani), una delle società leader operante nel settore web e digital marketing, quotata sul mercato Euronext Growth Milan (“EGM)”, sistema multilaterale di negoziazione, ha deliberato l’emissione, ai sensi dell’art. 2410 e ss del Cod. Civ., anche in più tranches, di un prestito obbligazionario, di ammontare nominale complessivo massimo pari a Euro 2 milioni della durata di 15 mesi, denominato “PRISMI 5% 2022 – 2023” ed i cui proventi saranno utilizzati principalmente per (i) la realizzazione degli obiettivi del piano industriale, (ii) l’ottimizzazione e l’integrazione del settore produttivo e (iii) il finanziamento delle attività in essere della Società.

Si riportano di seguito i principali termini e condizioni del prestito obbligazionario:

  • importo massimo: nominali Euro 2.000.000,00
  • taglio e lotto minimo di sottoscrizione: Euro 10.000,00
  • data di emissione: Le Obbligazioni potranno essere emesse in più tranches, fungibili tra loro, entro il 28 settembre 2022.
  • durata: 15 mesi. Le obbligazioni a decorrere dal 28 ottobre 2022 saranno rimborsate pro- quota mensilmente secondo lo schema contenuto all’interno del Regolamento.
  • modalità di emissione: le obbligazioni saranno emesse in una o più tranches, nella forma di titoli al portatore in regime di dematerializzazione essendo immesse le stesse nel sistema di gestione accentrata presso Monte Titoli S.p.A. I Periodi di Offerta Aggiuntivi verranno debitamente comunicati dall’Emittente con 2 giorni di anticipo rispetto alla data di apertura.
  • prezzo di emissione: pari al 100% del valore nominale di ciascun titolo obbligazionario
  • tasso di interesse: tasso fisso lordo pari al 5% annuale con pagamento mensile posticipato
    •collocamento: Le obbligazioni saranno offerte in sottoscrizione esclusivamente ad investitori qualificati ed istituzionali ai sensi della normativa vigente
  • termine sottoscrizioni: 28 settembre 2022.

La prima tranche delle obbligazioni sarà emessa entro giugno 2022.

Non è prevista l’assegnazione di alcun rating, né all’emittente né alle obbligazioni. Non è prevista la concessione di alcuna garanzia in relazione alle obbligazioni.

L’operazione rientra tra i casi di inapplicabilità della disciplina relativa all’offerta pubblica di sottoscrizione prevista dal D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 (“TUF”), così come declinato all’articolo 34- ter, comma 1, lettera a) del Regolamento Emittenti.

La versione definitiva del Regolamento del prestito obbligazionario sarà messa a disposizione del pubblico alla data della prima emissione sul sito internet della Società, sezione Investor Relations/ Prestiti Obbligazionari.

L’Organo Amministrativo ha altresì attribuito al Presidente ed Amministratore Delegato, Paolo Romiti, pieni poteri affinché ponga in essere tutte le azioni necessarie al buon esito dell’emissione.