I rincari svuoteranno ancora di più il portafoglio delle famiglie a basso reddito

Share

In seguito all’incremento dei prezzi delle materie prime iniziato nella primavera del 2020, l’inflazione al consumo mensile tendenziale ha raggiunto valori mai visti dall’ingresso dell’Italia nell’Unione Economica e Monetaria, attestandosi, a febbraio 2022, al +5,7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La guerra Russia-Ucraina sta aggiungendo ulteriori tensioni ai prezzi del gas e di alcuni prodotti alimentari. I forti incrementi di prezzo dei prodotti energetici, con tariffe nei prezzi al consumo cresciute del 130% nel periodo terzo trimestre 2020-primo trimestre 2022 (per calmierarne gli effetti il Governo ha stanziato, a partire dal secondo trimestre 2021, circa 20 miliardi a favore di famiglie e imprese) e quelli che potrebbero ulteriormente verificarsi per i prezzi dei beni alimentari stanno mettendo, e metteranno sempre più, pressione sui bilanci delle famiglie, dove energia e beni alimentari pesano per circa il 25% sul totale della spesa (4,3% per l’energia, 20% per alimentari). Le più penalizzate sono le famiglie a basso reddito, dove la quota percentuale di spesa per energia ed alimentari è maggiore rispetto a quelle con reddito più alto, con il rischio di allargamento dell’area della povertà e del disagio economico. È quanto emerge dal report “Un’ondata inflazionistica che colpisce soprattutto le famiglie a basso reddito”, realizzato nell’ambito del progetto di ricerca Monitor Fase 3, frutto della collaborazione tra Area Studi Legacoop e Prometeia. “Dopo due anni di pandemia, mentre ci illudevamo di un rapido ritorno alla normalità- sottolinea il Presidente di Legacoop, Mauro Lusetti- si è aperta vicino a casa nostra una guerra dagli esiti e dalla portata imprevedibili. Nonostante le nostre imprese e i nostri soci, come i cittadini italiani, lamentino già forti difficoltà, ci stiamo sforzando di osservare la situazione giorno per giorno, con realismo e responsabilità, lanciando il nostro allarme, ma tenendo i nervi ben saldi. D’altra parte è stato lo stesso presidente del consiglio, certamente non uso a pronunciare parole fuori posto, che quando ha paventato l’ipotesi di ‘razionamenti’ ha implicitamente evocato categorie da economia di guerra. Se questo è il quadro, mentre non ci iscriviamo al gruppo del ‘disfattismo’ che troppo facilmente prevede un crollo dell’economia italiana, d’altra parte dobbiamo essere conseguenti nel chiedere la massima severità nel fare luce, contrastare, ed eventualmente punire, speculazioni e arricchimenti da ‘borsa nera’ come quelli che, anche secondo il governo, sembrano avere riguardato il settore energetico e dei carburanti. Ne vediamo il terribile costo economico sui bilanci delle imprese, e l’impatto sociale sui bilanci delle famiglie. La fiducia e il benessere del paese sono l’unica arma che abbiamo, l’unica che deve interessarci davvero”.