Regione Lombardia, accordo con il Politecnico di Milano per la piattaforma digitale relativa al “Prezzario dei lavori pubblici”

Share

 Un accordo di collaborazione tra Regione Lombardia (nella foto, il presidente Attilio Fontana) e Politecnico di Milano per la definizione e la realizzazione della piattaforma regionale relativa al ‘Prezzario dei lavori pubblici’. L’importo complessivo dell’accordo è di 746.400 euro nel triennio 2022-2024: 600.000 euro a carico di Regione Lombardia e 146.400 euro a carico del Politecnico di Milano. Lo stabilisce una delibera della giunta regionale appena approvata su proposta dell’assessora a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi. “L’obiettivo- spiega Terzi- è sviluppare un sistema di analisi e di messa a disposizione dei dati che semplifichi e ottimizzi i compiti delle stazioni appaltanti e dei professionisti”. La piattaforma regionale sul prezzario, continua, “raccoglierà e renderà fruibili una serie di informazioni utili alle pubbliche amministrazioni e alle imprese, andando nella direzione di una maggiore trasparenza, innovazione e digitalizzazione, come condiviso anche nei tavoli di confronto con le associazioni di categoria”. L’accordo, spiegano dal Pirellone, risponde alla necessità di sviluppare uno strumento al passo con i tempi e con i recenti aggiornamenti normativi che prevedono, nel settore dell’infrastrutture e dell’edilizia, il ricorso a un metodo di progettazione Bim (Building Information Modelling) sempre più integrato. “Dopo la collaborazione per la Piattaforma digitale europea delle costruzioni (DigiPLACE, H2020) e il lancio della Piattaforma Regionale Bim dei prodotti (BIMReL, SmarLiving)- dichiara Stefano Capolongo, direttore del Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle costruzioni e Ambiente costruito dell’ateneo milanese- il Politecnico e la Regione Lombardia, con questa nuova sfida, proseguono il cammino verso la transizione green e digitale del settore costruzioni e della Pa”.