Vigoleno

Share

Volete scoprire come si viveva al tempo del medioevo? Venite con me a Vigoleno: un posto piccolissimo, dell’Emilia-Romagna, sfuggito alla trappola delle modernità. É un pezzettino di terra, una frazione di Vernasca nel piacentino. Pensate: gli abitanti sono solo 7 e si trova a 350 metri di altitudine. Il nome  deriva dal latino vicus lyaeo ossia “luogo consacrato a Bacco”.
Il borgo è fortificato e si caratterizza per le varie testimonianze della vita nel medioevo. La fondazione della fortezza originaria dovrebbe risalire al decimo secolo, anche se le prime note che consegnano il borgo alla storia risalgono attorno alla prima metà del 1100. A quei tempi Vigoleno altro non era che un avamposto del comune di Piacenza e  fu per lustri terreno di scontro tra guelfi (i conti Scotti) e ghibellini (il comune di Piacenza). Ci fu una lunga contesa che vide al centro della battaglia il castello, distrutto e ricostruito in più occasioni. La ricostruzione più recente, per volontà  dei conti Scotti, risale al 1389. Il castello, ancora oggi, conserva tracce di quella ricostruzione. Le impronte della riedificazione le vedete negli stemmi gentilizi scolpiti sopra il portale d’ingresso del borgo e sul timpano dell’oratorio della Madonna delle Grazie, che alcuni ipotizzano fosse stata la cappella di famiglia dei conti Scotti.

Da ammirare l’incantevole mole del mastio quadrangolare dotato di feritoie, beccatelli e merli ghibellini, con quattro piani di visita. Merita una visitina anche la Pieve di San Giorgio, una chiesa romanica della seconda metà del dodicesimo secolo. Qui troverete un bel rilievo che raffigura San Giorgio a cavallo, che uccide il drago,  Il borgo è molto conosciuto per i mercatini che si tengono la domenica per buona parte dell’anno. Nella consueta sosta gastronomica vi consiglio di assaggiare un piatto tipico del posto, i pisarei e fasò (sono gnocchetti di farina e pangrattato conditi con fagioli, lardo e pomodoro) Raggiungere Vigoleno non è semplicissimo. Vi conviene prendere l’auto. Per chi arriva da Milano, prendete l’uscita Fruorenzola d’Adda e da lì seguite le indicazioni per Parma, e poi proseguite per Vigoleno.