L’alcol in gravidanza altera la struttura cerebrale del nascituro

Share

 L’esposizione all’alcol in gravidanza può provocare cambiamenti significativi nella struttura cerebrale del feto. Lo sostiene uno studio dell’Università di Medicina di Vienna basato sulla risonanza magnetica per indagare sull’esposizione prenatale all’alcol, presentato al Congresso della Radiological Society of North America (RSNA). “La sindrome alcolica fetale è un problema mondiale nei paesi in cui l’alcol è liberamente disponibile”, ha affermato Gregor Kasprian, M.D., professore associato di radiologia presso l’Università di Medicina di Vienna in Austria. “Si stima che il 9,8% di tutte le donne incinte consumi alcol durante la gravidanza e questo numero è probabilmente sottostimato”. La sindrome alcolica fetale è la forma più grave di un gruppo di condizioni chiamate disturbi dello spettro alcolico fetale che derivano dall’esposizione all’alcol durante la gravidanza. I bambini nati con questi disturbi possono avere caratteristiche fisiche specifiche, difficoltà di apprendimento, problemi comportamentali o ritardi nel linguaggio. Secondo il Dr. Kasprian, una gravidanza su 70 con esposizione all’alcol provoca la sindrome alcolica fetale. Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato 500 donne in gravidanza che sono state inviate per una risonanza magnetica fetale per motivi clinici. Su un questionario anonimo, 51 delle donne hanno ammesso di consumare alcol durante la gravidanza. I questionari utilizzati erano il Pregnancy Risk Assessment Monitoring System (PRAMS), un progetto di sorveglianza dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e dei dipartimenti sanitari, e il T-ACE Screening Tool, uno strumento di misurazione di quattro domande che identificano il rischio di bere. il gruppo di studio finale consisteva in 26 esami di risonanza magnetica fetale da 24 feti alcol-positivi e un gruppo di controllo di 52 soggetti sani di pari sesso ed età. feti. Al momento dell’imaging, i feti avevano un’età compresa tra le 20 e le 37 settimane. I ricercatori hanno utilizzato l’imaging a super risoluzione, che ha permesso loro di creare un set di dati per ricostruire ogni cervello fetale. Successivamente, hanno completato un’analisi di 12 diverse strutture cerebrali, calcolando il volume totale del cervello e i volumi dei segmenti di specifici compartimenti cerebrali. “Uno dei principali tratti distintivi del nostro studio è che abbiamo studiato tanti sottocompartimenti più piccoli del cervello”, ha detto la coautrice Marlene Stuempflen, M.D., ricercatrice scientifica presso l’Università di Medicina di Vienna. L’analisi statistica ha rivelato due principali differenze nei feti esposti all’alcol rispetto ai controlli sani: un aumento del volume nel corpo colloso e una diminuzione del volume nella zona periventricolare. Il corpo colloso è la connessione principale tra i due emisferi del cervello. “Sembra che l’esposizione all’alcol durante la gravidanza metta il cervello su un percorso di sviluppo che diverge da una traiettoria normale”, ha detto Kasprian. “La risonanza magnetica fetale è uno strumento molto potente per caratterizzare lo sviluppo del cervello non solo in condizioni genetiche, ma anche in condizioni acquisite che derivano dall’esposizione ad agenti tossici”