Trevi

Share

Oggi mi sono spostato in Umbria, a Trevi, un borgo nella provincia di Perugia. 8300 abitanti, a 412 metri di altitudine. L’origine del nome non è chiara. Anticamente il borgo si chiamava Trebiae, e il nome potrebbe derivare da Trivia: nella mitologia romana era un appellativo alla dea Diana, la signora delle selve, protettrice degli animali selvatici. E di Trebiae si sa solo che fu un insediamento romano. Trevi visse tempi bui: fu distrutta dai Saraceni e dagli Ungari. E, al tempo dei longobardi, la città fu saccheggiata e occupata dal duca di Spoleto. Fortuna volle che gli abitanti riuscirono a costringere il duca a svignarsela e così si ripresero la città. Tra il quattordicesimo e il quindicesimo secolo, Trevi visse il suo periodo di massimo splendore economico: il borgo, infatti, era diventato un rilevante riferimento commerciale. Molti conoscono Trevi per il suo eccellente olio d’oliva. Se non l’avete mai provate, fatelo!… Il suo sapore è una delizia anche per il palato più esigente. E per apprezzarlo vi può bastare una fetta di pane casareccio.

Trevi è nota anche agli studiosi di letteratura, perché Giacomo Leopardi vi dedicò alcuni versi del poemetto satirico politico Paralipomeni della Batracomiomachia. A chi sceglie Trevi come meta di un week end vacanziero, consiglio ciò che é più bello da vedere nel borgo. Imperdibile è il santuario della Madonna delle lacrime: qui, oltre alla meravigliosa architettura rinascimentale, potete ammirare due dipinti che fanno parte della storia dell’arte nostrana. La deposizione di Giovanni Pietro e l’adorazione dei magi del Perugino. Visitate poi il Palazzo Lucarini, è un importante centro di arte contemporanea. Da ammirare la splendida chiesa di San Francesco, qui potete vedere un magnifico crocefisso del quattordicesimo secolo. Nella nostra abituale sosta gastronomica, vi invito ad assaggiare la raffinata tagliata di petto d’anatra. Oltre all’olio, l’altra eccellenza di Trevi è il sedano, che viene celebrato in una mostra mercato ad ottobre. Per raggiungere il borgo, vi basterà prendere il treno per Trevi: la fermata per il borgo si trova sulla linea Orte-Falconara.