Montefiore Conca

Share

Oggi sono in Emilia-Romagna, a Montefiore Conca, un borgo in provincia di Rimini. 2200 abitanti, a 385 metri di altitudine. L’origine del nome non è chiara. Secondo alcuni, però, Montefiore deriverebbe dal latino Mons Florum (il monte dei fiori). Nel 1863 il borgo prese il nome di Montefiorite, poi verso gli anni venti del novecento fu battezzato definitivamente così.
Il borgo è noto per una leggenda suggestiva legata ad un amore impossibile. Ai tempi della dominazione dei Malatesta, visse Costanza, figlia di Ungaro, il signore del borgo. Costanza si sposò giovanissima con il marchese Ugo d’Este. Fu un matrimonio segnato da un destino barbaro e infame: il marchese morì dopo qualche tempo. La moglie soffrì tanto, ma dopo lungo patire riuscì a trovare nuovamente l’amore. La rocca malatestiana di Montefiore fu, per Costanza, il luogo del ritorno della gioia e al tempo stesso dell’arrivo inaspettato della crudeltà. Qui la giovane ritrovò l’amore tra la braccia del tedesco Ormanno, ma trovò anche l’orrore con lo zio, che odiava la nipote per questioni di eredità. Lo zio, dopo aver ostacolato in ogni modo la relazione, fece uccidere i due amanti. Si dice che nella rocca circoli tuttora lo spirito dell’infelice innamorata.

Se non credete alle leggende e non avete paura dei fantasmi, fate una visitina alla rocca: conserva il fascino della fortezza militare medievale. Molto bella la sala dell’imperatore che ospita gli affreschi di Jacopo Avanzi. Date un’occhiata alla chiesa di San Paolo, troverete uno splendido crocifisso di legno della scuola riminese e un meraviglioso affresco della madonna con Bambino, realizzato da Bernardino Dolci nel quindicesimo secolo. Vi consiglio di visitare Montefiore durante il periodo natalizio, potrete vedere uno splendido presepe vivente.
Nella nostra sosta gastronomica non possono mancare le mitiche caldarroste di Montefiore che vengono celebrate con una sagra che si tiene tutte le domeniche di ottobre. Per arrivare nel borgo, vi consiglio di prendere il treno per Riccione e proseguire con i mezzi o un’auto a noleggio. Se non vi piace il treno, potete prendere l’aereo per Rimini.