Foglia

Share

Sono nel Lazio, a Foglia, una frazione di Magliano Sabina, in provincia di Rieti. Conta quasi quattromila abitanti e si trova a 222 metri di altitudine. L’origine del nome è misteriosa. E come sempre fioccano congetture più o meno fantasiose. Alcuni pensano che il nome possa derivare da Fauna, moglie di Fauno, dio romano dei boschi e della campagna. Altra ipotesi: il nome potrebbe derivare dalla città di Troilo perché fu ritrovata in zona una ceramica che riportava la misteriosa parola “Troiloi”… In lingua falisca si riferiva alla città dei falisci, rasa al suolo dai romani. E chi sono i falisci? Sono gli abitanti di Faerli, una città dell’antica etruria, che per primi si sistemarono in loco. Nel 1858. dopo varie intricatissime vicende, il borgo diventa frazione di Magliano Sabina. Forse il luogo più rilevante ed interessante di Foglia è il castello. La data di edificazione non è nota, si parla della seconda metà del X secolo, forse nel 988. Nel pieno del medioevo, il castello non visse giorni felici: fu distrutto e con lui, il castello di Campovaro nel 1241, quando ci furono gli scontri tra le truppe romane e viterbesi.

Successivamente fu restaurato da Napoleone Orsini, che lo regalò al fratello, monsignor Giovanni, poi papa Nicolò terzo. Adesso il castello è una residenza privata, dove, volendo, potete soggiornare. Il castello è anche la sede dell’Accademia della Foglia di E.Ri.Fo: qui si tengono varie iniziative culturali. In tutto il borgo potete trovare varie testimonianze della presenza dei falisci. Molto belli i resti di un’antica villa romana, la famosa Villa San Sebastiano, che é d’obbligo visitare. Fate inoltre una passeggiata nel famoso Bosco di Foglia, qui troverete querce secolari, lecci e e tante belle orchidee di vari colori. Troverete anche funghi selvatici e asparagi. Nella nostra sosta gastronomica, ci sono vari primi piatti da gustare. Provate le fettuccine con asparagi pomodoro e pancetta e gli stozzapreti con un sughetto piccante. Per raggiungere il borgo, vi consiglio di usare l’auto: prendere l’autostrada A1 con uscita casello Magliano Sabina e seguite le indicazioni.