Pergola

Share

Sono nelle Marche, a Pergola, un borgo molto attraente nella provincia di Pesaro e Urbino. Si trova a 265 metri di altitudine e conta quasi seimila abitanti. L’origine del nome non è chiara. Nel borgo si trovano tracce dei passaggi dei popoli etruschi, celtici e soprattutto romani. Pergola diventa un comune libero nel 1234. In un tempo relativamente breve, il borgo diventa un importante luogo commerciale. Con Cesare Borgia, vive un momento felice, legato ad un notevole sviluppo economico. Le cose però si mettono male a partire dal 1631, quando il borgo diventa proprietà dello stato pontificio. La crisi non è solo economica: Pergola registra un preoccupante calo delle nascite. Il borgo si riprenderà e vivrà il periodo di massima espansione tra il diciassettesimo e diciottesimo secolo. Il 1796 è un anno cruciale per Pergola, perché nasce La Zecca. Purtroppo il momento d’oro viene rovinato dall’occupazione delle truppe francesi, e cosi il borgo perde buona parte delle opere d’arte presenti nelle chiese e palazzi. L’8 settembre 1860 Pergola è la prima città delle Marche che si ribella allo stato del Regno Pontificio, battendosi per il sogno dell’Unità d’Italia. L’eroismo di Pergola verrà premiato con la Medaglia d’Oro. 

Il borgo è conosciuto per i Bronzi dorati di Cartoceto, che potete ammirare nel museo costruito su misura per questa meraviglia. Pensate, questi bronzi sono tuttora una testimonianza viva dall’età romana. Il museo, oltre ai bronzi, presenta una ricca pinacoteca con dipinti della scuola marchigiana e uno spazio dedicato all’arte contemporanea. Da visitare il duomo, che presenta opere di grande pregio. Ed è emozionante l’Elemosina di San Tommaso da Villanova, dipinto di Terenzio Terenzi detto il Rondolino che trovate nel primo altare della navata sinistra. Rilevante anche la chiesa di Santa Maria delle Tinte, che si caratterizza per la stratosferica cupola ottagonale: rappresenta l’arte barocca al meglio, gli affreschi e le statue vi colpiranno per la loro qualità. Non scordate di fare una passeggiata nel centro storico per scoprire i palazzi in pietra. Da qualche anno, Pergola è salita agli onori della cronaca internazionale per il festival del cinema di animazione poetico (Animavì) che si tiene in estate.  A Pergola si produce un ottimo tartufo bianco, che viene celebrato con una festosa sagra ad ottobre. Nella nostra sosta gastronomica, dunque, non possono mancare pietanze a base di tartufo. Così come non può mancare, nella nostra tavola imbandita, uno straordinario vino rosso locale, la Vernaccia di Pergola.  Per raggiungere il borgo, prendete l’aereo per Ancona e proseguite con i mezzi pubblici o noleggiando un’auto privata.