Airbnb: impatto della variante Delta sulle prenotazioni

Share

Nonostante abbia registrato risultati finanziari positivi nel secondo trimestre del 2021, Airbnb – piattaforma statunitense di alloggi ed esperienze per viaggiatori –  ha avvertito che il diffondersi della variante Delta avrà un impatto sulle prenotazioni dei prossimi mesi. Le entrate – nei tre mesi a giugno – sono aumentate di quasi il 300% anno su anno e hanno superato il secondo trimestre 2019 del 10%, attestandosi a 1,3 miliardi di dollari. La perdita netta è stata di 68 milioni di dollari, in miglioramento di 507 milioni di dollari rispetto al secondo trimestre del 2020 e di 229 milioni di dollari rispetto al secondo trimestre del 2019.

Nella nota sui conti, la società ha fornito anche indicazioni su come sta cambiando il modo di viaggiare negli ultimi mesi. Da un lato, c’è un rimbalzo nei tipi di viaggio che sono stati più colpiti dalla pandemia: ad esempio, le notti prenotate per viaggi transfrontalieri all’interno dell’Europa sono state più elevate a giugno 2021 rispetto a giugno 2019. Dall’altro, anche se i viaggio tipo pre-pandemia sono in ripresa, Airbnb ritiene che molte nuove tendenze di prenotazione siano destinate a rimanere, come i soggiorni al di fuori delle principali destinazioni e i soggiorni a lungo termine.

“Mentre usciamo dal secondo trimestre ed entriamo nel terzo, abbiamo un minor numero di prenotazioni per l’autunno, sia per la stagionalità dei viaggi che per l’impatto dei problemi legati al Covid”, ha affermato il CFO Dave Stephenson nella call con gli investitori. Allo stesso tempo, Airbnb prevede che le entrate del terzo trimestre 2021 saranno le più forti mai registrate e che forniranno il margine EBITDA rettificato più elevato di sempre.