Il Gruppo Florence ha comprato Manifatture Cesari

Share

Gruppo Florence ha comprato Manifatture Cesari, azienda umbra specializzata nella produzione di abbigliamento in jersey dal 1988. L’operazione è finanziata da un aumento di capitale e dall’investimento nel gruppo Florence da parte della famiglia Romolini, fondatrice di Manifatture Cesari. Si rafforza così il progetto industriale di Gruppo Florence lanciato ad ottobre 2020, che mira a sviluppare una piattaforma leader anche a livello internazionale nella fornitura di prodotti Made in Italy di alta manifattura per i più importanti brand della moda. 
“Con l’ingresso di Manifatture Cesari, specializzata nella lavorazione del jersey, si aggiunge un ulteriore partner fondamentale al nostro disegno iniziale, che intende coprire l’intera gamma di categorie che compongono una tipica collezione di abbigliamento”, commenta Francesco Trapani, nella foto, presidente di Gruppo Florence. Manifatture Cesari si aggiunge alle tre aziende fondatrici del gruppo: Giuntini (presente nell’outerwear e tessuto leggero), Ciemmeci (produttore di capi in pelle e pellicce) e Mely’s (attivo nel segmento della maglieria).  “Stiamo lavorando su ulteriori accordi con altri imprenditori che si uniranno al Gruppo Florence con l’obiettivo di beneficiare delle sinergie che derivano dall’aggregazione. La mission di Gruppo Florence è infatti quella di salvaguardare il know-how tecnico-culturale delle aziende del Made in Italy, assicurando un futuro sostenibile alle piccole/medie aziende familiari”, ha aggiunto Trapani. Il gruppo Florence è controllato per circa il 65% dal consorzio guidato da Vam Investments, Fondo Italiano d’Investimento, Italmobiliare e per il restante 35% dalle famiglie Giuntini, Capezzuoli, Maltinti, Ciampolini e Sanarelli, ai quali oggi si aggiungono i Romolini. Il gruppo fondato a ottobre 2020, che impiega oltre 700 dipendenti, è presieduto quindi da Francesco Trapani mentre l’amministratore delegato è Attila Kiss.