Bayer, 800 milioni di dollari per la nuova gara media globale

A picture taken on March 20, 2019 shows the logo of German chemicals and pharmaceuticals giant Bayer on a wall at the group's coumpound in Berlin. - Shares in German chemicals and pharmaceuticals giant Bayer plunged as markets opened on May 20, 2019, after a second US jury ruled that blockbuster pesticide Roundup -- made by recently-acquired Monsanto -- causes cancer. (Photo by Odd ANDERSEN / AFP) (Photo credit should read ODD ANDERSEN/AFP/Getty Images)
Share

Bayer, la multinazionale farmaceutica tedesca, ha aperto una gara media globale, che secondo quanto riportato dalla stampa di settore internazionale il valore dell’incarico sarebbe sugli 800 milioni di dollari.

Sarà gestita dall’advisor MediaSense e vedrà tra i partecipanti le agenzie uscenti MediaCom del gruppo Wpp e PHD, parte di Omnicom, insieme ad altre holding.

L’obiettivo della gara – condizionale d’obbligo visto che l’azienda non ha voluto commentare – potrebbe essere il consolidamento in una sola sigla, trasversale a tutte le divisioni. Bayer è infatti attiva in svariati campi, dal consumer health con numerosi brand noti tra i quali Aspirina e Alka Seltzer; farmaci con prescrizione, per la radiologia e terapie speciali; prodotti e servizi per l’agricoltura.

Campaign ha ricostruitole tappe della Bayer che nel 2010 aveva consolidato il media extra Usa in Wpp, affidando un anno dopo a Mediacom quello degli Stati Uniti, mentre nel 2014 PHD aveva acquisto dall’uscente Initiative il media globale in cinque mercati, tra i quali la Germania. Nel 2018 MightyHive è entrata nel roster per aiutare a portare in-house la parte di programmatic media buying entro il 2020.