Maire Tecnimont, contratto in Nigeria per 1,5 mld

Share

Maire Tecnimont si è aggiudicata un contratto da parte del Federal Executive Council nigeriano per l’esecuzione dei lavori di riabilitazione del Complesso di raffinazione della Port Harcourt Refinery Company, situato a Port Harcourt, capitale del Rivers State, in Nigeria. Port Harcourt Refinery Company è una controllata di Nigerian National Petroleum Company (Nnpc), l’ente petrolifero nazionale. Il valore complessivo del contratto è di circa 1,5 miliardi di dollari. Il progetto prevede attività di ingegneria, procurement e costruction (Epc) per la completa riabilitazione del complesso di raffinazione di Port Harcourt, finalizzata a ripristinare la capacità produttiva almeno al 90%. Il complesso è composto da due raffinerie per una capacità complessiva di circa 210.000 barili al giorno. Il progetto verrà eseguito in più fasi dopo 24 e 32 mesi, e la fase finale sarà completata dopo 44 mesi dalla data di aggiudicazione. Pierroberto Folgiero, nella foto, amministratore delegato del gruppo Maire Tecnimont, ha commentato: “Con questo grande risultato confermiamo la solidità della nostra strategia per quanto concerne la diversificazione geografica considerato che uno tra gli elementi chiave è crescere e assistere i nostri clienti nelle iniziative di revamping, facendo leva sul nostro know-how tecnologico che garantisce processi e prodotti più efficienti e più performanti dal punto di vista ambientale. Rappresenta una testimonianza – ha aggiunto l’Ad – del nostro Dna tecnologico, considerato il nostro impegno crescente in iniziative di modernizzazione del settore raffinazione, come questi lavori strategici di riabilitazione dimostrano. Con questa iniziativa, inoltre, rafforziamo la nostra presenza in Nigeria e nell’Africa subsahariana, un mercato con ottime prospettive nel downstream dati il proprio trend demografico e la necessità di sprigionare maggiore valore aggiunto dalla trasformazione delle risorse naturali. Siamo entusiasti – ha concluso – di continuare a supportare Nnpc, un player leader nell’area geografica di riferimento, per sviluppare il settore downstream africano”.