Inwit, ricavi in crescita

Share

Inwit ha chiuso il 2020 con ricavi pari a 663,4 milioni, in crescita del 68% come riflesso del cambio di perimetro legato alla fusione con Vodafone Towers. L’utile è salito del 13% a 156,7 milioni nonostante i maggiori ammortamenti conseguenti all’operazione straordinaria, mentre gli investimenti si sono attestati a 128,3 milioni.  Il gruppo, considerata la forte generazione di cassa e le prospettive di crescita, proporrà ai soci una cedola da 0,3 euro per azione, con un monte dividendi paria 288,1 milioni. Il 2020, con la spinta del quarto trimestre, si conferma “un anno positivo” per Inwit, durante il quale “si è realizzata una profonda trasformazione dell’azienda”. A sottolinearlo, dopo l’approvazione di conti al 31 dicembre scorso, l’ad Giovanni Ferigo, nella foto. “Questi risultati sono un solido punto di ingresso nel 2021, per il quale confermiamo la  guidance indicata a novembre 2020. Stiamo attuando il  piano industriale 2021-2023 a supporto degli operatori per il 5G e la  digitalizzazione  del  Paese”, ha aggiunto. La trasformazione  digitale, evidenzia il manager, “è  uno  dei  pilastri per  il  rilancio dell’economia postpandemia e il  Next  Generation Eu  permetterà una  forte accelerazione degli  investimenti  in  infrastrutture digitali. Grazie al nostro ruolo di abilitatore infrastrutturale siamo pronti a cogliere le  occasioni che il   mercato ci prospetterà”.