Microsoft Italia, Matteo Mille nominato Chief Marketing and Operations Officer

Share

All’interno del team dell’omonima azienda informatica già dal 2006, Matteo Mille rientra in Italia in seguito ad un’esperienza di sette anni a Singapore

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Matteo-Mille.jpg

Mille è stato designato nuovo Chief Marketing and Operations Officer di Microsoft Italia a contatto diretto del CEO, Silvia Candiani. All’interno della squadra di Microsoft Italia e in joint venture con il team Marketing & Operations, Matteo Mille avrà il compito di cooperare all’incremento della filiale italiana, circoscrivendo piani di business e pianificazione con lo scopo di sostenere il percorso di Trasformazione Digitale dei clienti e dei partner italiani e coadiuvando così all’evoluzione digitale

dell’intero Paese, soprattutto in un periodo così sfidante come quello attuale. Il manager ha acquisito le sue profonde competenze, in seguito agli studi e ai suoi molteplici percorsi di formazione per executive tra cui Digital Business Strategy al Mit Sloan School of Management. Precedentemente al suo ingresso nel colosso Microsoft, si è impegnato in realtà del calibro di ItaltelSun MicrosystemsMcKinsey e Telecom Italia.

Entrato in Microsoft, dapprima nel ruolo di Server & Tools Director coordinando il lancio di Windows Server e Sgl, rientra in Italia dopo un’esperienza di ben sette anni a Singapore dove ha rivestito il ruolo di Partner Sales Development Lead per la regione Apac, sempre per Microsoft, concorrendo alla trasformazione digitale dell’ecosistema dei partner in nove Paesi dell’Asia Pacifica e guidando anche il business Surface.

Il neo Chief Marketing and Operations Officer, sarà altresì responsabile del piano nazionale Ambizione Italia #DigitalRestart per sostenere il lancio della prima Region Datacenter Microsoft in Italia e delle svariate proposte delle quali l’AI Hub, i progetti con le pmi, l’Alleanza per la Sostenibilità e le attività orientate alla formazione di studenti e professionisti nel comparto delle competenze digitali richiesta dall’ambito del lavoro e dalle imprese stesse.