Manovra, dagli autonomi al turismo: pioggia di bonus e incentivi

Share

Nel testo approvato in Commissione Bilancio , che arriverà martedì alla Cameranuovi bonus e incentivi, con tante micro-norme al suo interno

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Conte-Gualtieri.jpg

Il testo della manovra che è stato approvato in Commissione Bilancio, e che arriverà martedì alla Camera, è una carica di nuovi bonus e incentivi, con tante micro-norme al suo interno. Dalla proroga del superbonus ai nuovi ecoincentivi per le auto, dalle agevolazioni per il turismo ai bonus per gli autonomi, dalle assunzioni nella sanità al rinvio per la sugar tax. Uno degli stanziamenti più urgenti che è stato approvato è quello per l’attuazione del piano vaccini anti-Covid. 

La Commissione Bilancio ha previsto l’assunzione a tempo determinato per nove mesi di 3mila medici e 12mila infermieri per la somministrazione dei vaccini. Alla campagna vaccinale potranno partecipare anche i medici specializzandi fin dal primo anno di specializzazione. Arriva anche lo stop all’IVA sui vaccini, i tamponi e i test anti-Covid.

Prolungato di sei mesi il superbonus: se entro giugno 2022 sono stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo la detrazione al 110 spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022. Sale da 10mila a 16mila euro il tetto per il bonus mobili (detrazione sempre al 50%).

Via libera alla cassa integrazione per gli autonomi, che andrà da un minimo di 250 euro a un massimo di 800 euro per 6 mesi per chi ha un reddito non superiore a 8.145 euro e ha subito perdite del 50% rispetto ai tre anni precedenti. Il ministro del lavoro Nunzia Catalfo ha già annunciato l’intenzione di estenderlo anche ai professionisti degli ordini.

Consistente il pacchetto per il settore automotive: c’è stato il rifinanziamento di quanto previsto dai decreti Rilancio e Agosto, con un bonus di ulteriori 2mila euro per i veicoli elettrici e ibridi, aggiuntivi agli incentivi esistenti, e un bonus da 1.500 euro per gli euro 6 di ultima generazione. Stanziati inoltre 120 milioni per l’elettrico per acquisti fino a dicembre 2021 e 50 milioni per i veicoli commerciali.

Per il settore turistico è stata prevista la proroga del credito d’imposta al 60% del canone di locazione degli immobili destinati alle imprese turistico-ricettive fino al 30 aprile 2021 (con estensione ad agenzie di viaggio e tour operator) ed è stato rifinanziato il fondo per il settore con 100 milioni per il 2021.

Creato un fondo da 4,5 milioni di euro annui per i prossimi tre anni per favorire l’approvvigionamento idrico dei Comuni delle isole minori con popolazione inferiore a 15.000 abitanti. Sempre in tema idrico, è stato approvato il credito d’imposta del 50% per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzaizone, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica e sono stati stanziati 20 milioni per il 2021 per un bonus di mille euro per interventi di sostituzione di vasi sanitari e apparecchi di rubinetteria sanitaria.

Stanziati 500 milioni per il settore aeroportuale, di cui è possibile anticipare subito fino a 315 milioni di euro ai gestori aeroportuali e fino a 35 milioni di euro alle imprese di handling. 100 milioni per le zone colpite dalle alluvioni nel periodo 2019-2020. Salgono le tasse sulle sigarette elettroniche: le aliquote sui liquidi da inalazione salgano al 15% dal primo gennaio 2021: al 20% nel 2022 e al 25% nel 2023 se con nicotina; al 10% nel 2021, 15% nel 2022 e 20% nel 2023 se senza nicotina.

Nuovo rinvio per la sugar tax, che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2022. Raddoppiano i fondi per la produzione e l’importazione della cannabis terapeutica, 3,6 milioni nel 2021, ma non c’è stata la liberalizzazione della cannabis light, quella con una percentuale di THC inferiore allo 0,5%.



Libero.it