I frammenti di vita di don Angelo che riaccendono la fede

don Angelo Polloni
Share
don Angelo Polloni

(di Tiziano Rapanà) In un mondo che spinge il pedale sulla bruttezza, che esibisce la propria acrimonia sulle persone e non perde mai l’occasione per esibire varie forme di cattiveria, riscoprire la forza della parola cristiana è fondamentale. Pertanto vorrei dedicare alcune righe ad un’interessante iniziativa di don Angelo Polloni, che mette al centro questa parola. Don Angelo è un prete abruzzese, che gestisce tre parrocchie dei Comuni – a me molto cari – di Caramanico Terme e Sant’Eufemia a Maiella. Qualche mese addietro ha ideato un podcast, Frammenti di vita, che diffonde tutti i giorni, ai suoi contatti WhatsApp. Il religioso li definisce dei “frammenti, che nascono dal cuore di un pastore per parrocchiani e amici in questo tempo di pandemia”. Per il prete, il podcast è “un modo umile, casalingo e semplice, senza alcuna pretesa di essere vicino, anche con il calore della parola, con un brevissimo spunto tratto dalla preghiera d’inizio (colletta) della Messa”. Forse non lo sa, ma è un genio della comunicazione religiosa. Quel minutino appena di trasmissione ha una forza incredibile, forse superiore ad ore e ore di palinsesti di emittenti televisive e radiofoniche incentrate sulla divulgazione del cattolicesimo. A me Frammenti di vita piace moltissimo. Lo attendo tutto le sere e lo ascolto con piacere. Lo preferisco ai programmi d’approfondimento paludati che in mezz’ora non riescono a raccontare la bellezza del messaggio cristiano. A Don Angelo basta un minuto appena. Dovrebbe fare televisione, magari condurre un programma sulla fede a Rete 8, la nota emittente abruzzese. In questi tempi barbari, c’è bisogno di Don Angelo e della sua pacatezza. Scusate se sfioro la retorica, ma non riesco a trovare parole diverse per esprimere l’urgenza di trovare nei luoghi mediatici, persone come don Angelo, che possiedono una grande caratura spirituale. Viva don Angelo e il suo podcast, che mi accende d’entusiasmo ogni volta che lo ascolto.

tiziano.rp@gmail.com