Le ultimissime. Carige cede 1000 quote Bankitalia a Credito sportivo, apre un nuovo call center a Taranto

Share

Banca Carige ha ceduto al Credito sportivo 1000 quote di partecipazione al capitale della Banca d’Italia del valore nominale di 25.000 euro per complessivi 25 milioni di euro. Dopo questa cessione, pari allo 0,33% del capitale della Banca d’Italia, riferisce una nota, il Gruppo Carige detiene ancora 11.095 quote, pari al 3,698% (di cui il 3% fruttifero di dividendi). L’operazione, conclude il comunicato è “in linea con quanto previsto dal piano strategico”, vale a dire la cessione delle quote di Banca d’Italia in eccesso rispetto alla partecipazione del 3% fruttifera di dividendi.

Debutta oggi a Taranto, con la presentazione ufficiale, una nuova azienda di call center. Si tratta di System House, capofila del raggruppamento di imprese formato da System House e System Data Center che si sono aggiudicati i tre lotti della commessa Enel Energia servizio clienti. Al nuovo raggruppamento vanno 429 lavoratori, di cui circa 300 usciti dal call center Teleperformance e il resto è dato da interinali. System House ha infatti contrattualizzato lavoratori precari o in staff leasing. La  commessa Enel Energia è stata assegnata a seguito di una gara bandita da quest’ultima. In precedenza è stata svolta da Teleperformance che resta comunque a Taranto per gestire altre commesse nel rapporto clienti: Eni, Axa ed Enel Mercato Libero. In conseguenza del passaggio di personale a System House, Teleperformance ha adesso meno addetti. Erano quasi 2mila gli iniziali. System House opera in una struttura sinora usata da Teleperformance. I tre lotti della commessa Enel Energia sono in ordine di attivazione a Pistoia, Taranto e Locri. System House sarà presentata oggi pomeriggio nel nuovo Centro Taranto dall’amministratore delegato Agostino Silipo.

La società di gestione dell’aeroporto di Catania rende noto che, stamani, è stato attivato il piano di emergenza a causa dello sversamento di carburante presso uno stand del piazzale. L’evento ha causato alcuni ritardi e il dirottamento di tre voli. I disagi, informa la Sac, sono terminati. 

In Toscana, via libera del Consiglio al programma delle attività per il 2020 del Comitato regionale delle comunicazioni (Corecom). Le linee guida le ha illustrate oggi in aula il presidente della commissione Affari istituzionali in Regione Giacomo Bugliani che ha voluto sottolineare soprattutto il lavoro  di tutela dei minori nei confronti di internet e dei social network, vista la sempre maggiore  diffusione dell’uso improprio degli strumenti digitali soprattutto fra i giovani. “In questa direzione – ha spiegato Bugliani in aula – sarà fatto un lavoro importante anche con il presidente del Tribunale dei minori, che ci permetterà di allestire in tutti i tribunali della nostra regione alcuni processi simulati con i ragazzi, che faranno il giudice, il cancelliere, il pubblico ministero e qualcuno anche l’imputato”. Bugliani ringraziando il presidente del Corecom Enzo Brogi ha ribadito le attività fondamentali del Comitato regionale per le comunicazioni come l’avvio e la sperimentazione del progetto “Patentino digitale” in tre scuole secondarie di primo grado della Toscana, in collaborazione con Regione Toscana, Polizia postale, Istituto degli Innocenti e Ufficio scolastico regionale.  Nel 2020 il progetto, che prevede la realizzazione di workshop formativi gratuiti per insegnanti (in particolare i cosiddetti “animatori digitali” e i “referenti per la lotta al cyberbullismo”), verrà esteso al più ampio numero di istituti scolastici possibile, per consentire ai giovani studenti di conseguire una sorta di certificazione di “navigatore consapevole” al termine di un percorso formativo e di sensibilizzazione ad un uso responsabile della rete. Sempre riguardo al tema della legalità Bugliani ha aggiunto “sul versante dei premi e dei riconoscimenti pubblici, il 2020 vedrà nuovi bandi di concorso per i videomaker (Toscana in spot), per la migliore tesi di laurea in comunicazione, per la migliore trasmissione televisiva locale, e verrà individuato il quarto ‘comunicatore toscano dell’anno’, una personalità della nostra regione che si sia distinta per le capacità di comunicare all’esterno un tema, un’eccellenza, una buona pratica”. “Le risorse regionali – ha concluso Bugliani – destinate al Corecom sono regionali 419 mila euro, 148 mila euro sono per le  indennità di funzioni e 172 mila euro finalizzato all’attività delegata, di conciliazione che il Corecom svolge e ha dato negli anni ottimi frutti restituendo negli anni milioni di euro ai cittadini.  Nel 2019 sono stati oltre novemila i cittadini toscani che si sono rivolti al Corecom per le loro controversie con i gestori della telefonia, con oltre l’85% di risultati positivi in circa un mese, un mese e mezzo ed oltre tre milioni di euro ottenuti dal riconoscimento dei loro diritti. Nel panorama nazionale la Toscana rappresenta una delle esperienze migliori”.

Avanti tutta per Technogym. La crescita nelle regioni ‘Asia Pacific’ e Nord America spinge verso l’alto i ricavi di Technogym, che al 30 settembre sono pari a 465 milioni di euro, con un incremento del 7,2% sui primi nove mesi del 2018. “Dopo i buoni risultati del primo semestre, Technogym conferma anche sui nove mesi una crescita dei ricavi superiore al mercato di riferimento. Prosegue il trend di robusta crescita dei ricavi nelle aree ad alto potenziale come il Nord America (+17%) e Asia Pacific (+25%)”, ha sottolineato l’a.d. del gruppo, Nerio Alessandri, ricordando come Technogym continui a essere focalizzata nella diffusione della sua soluzione ‘Club 4.0’ e come abbia recentemente lanciato il format Biocircuit.

Share
Share