Amianto: sciopero fame a Montecitorio

Share

Domani mobilitazione generale del Coordinamento associazioni

 

E’ cominciato questa mattina a Roma, in piazza Montecitorio, davanti alla Camera, il presidio silenzioso delle associazioni dei familiari dei militari e civili del comparto Difesa e della sicurezza nazionale esposti e vittime dell’amianto e altri fattori nocivi. In piazza i presidenti di Afea nazionale, Pietro Serarcangeli, e di Afeva Sardegna, Salvatore Garau, che ha iniziato, come preannunciato, lo sciopero della fame. Una protesta estrema che proseguirà ad oltranza. Garau è arrivato in piazza poco prima delle 12 con un piccolo cartello al collo che reca la scritta “In silenzioso sciopero della fame per essere ascoltati”. E domani si replica con la protesta che si espanderà con la mobilitazione generale, indetta dal Coordinamento Amianto pro Comparto Difesa e la partecipazione di associazioni, familiari del personale attivo e dei militari in congedo. L’obiettivo è sollecitare il Governo e al Parlamento ad approvare una legge “giusta, equa e chiara che superi le norme attuali”.

Ansa

Share
Share