Il ministro Fedeli: mamme, alle medie dovete prendere i figli, fatevene una ragione

Share

A Tagadà la ministra interviene dopo la sentenza della Cassazione: è la legge. I genitori non possono evitare questa assunzione di responsabilità. L’autonomia dei ragazzi? Si può sperimentare il pomeriggio

«Anche i genitori devono essere consapevoli che questa è la legge». E che va attuata. Così la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli chiama in causa i genitori dopo che la sentenza della Cassazione – che ha condannato una scuola e il Miur per la morte di un ragazzino quindici anni fa – a maggio ha ribaltato le abitudini e gli usi sull’uscita dei ragazzi e delle ragazze dalle scuole medie. E’ quasi un richiamo ai genitori a cambiare uno schema che vale ormai da sempre e che comunque valeva quando i genitori stessi erano ragazzi. I loro figli ora non potranno più essere lasciati andare a casa da soli, ma devono essere consegnati ad un adulto: non vale più la dichiarazione di esonero di responsabilità che di solito i genitori firmano all’inizio dell’anno nei confronti della scuola. Assumendosi la responsabilità dell’autonomia dei loro teenagers, fino al compimento dei 14 anni. Dopo la sentenza della Cassazione la situazione è definitivamente trasformata e, a parere della ministra, solo una nuova legge potrà cambiare le cose.

«E’ in gioco l’incolumità dei ragazzi»

La palla torna dunque ai genitori perché, spiega di nuovo Fedeli, i presidi non possono fare altro che «attuare» le leggi dello Stato Italiano e il ministero non farà alcuna circolare perché «non ha questa funzione nè questa responsabilità», visto che si tratta di leggi a tutela «dell’incolumità dei minori».

Abbandono o nonni?

Le scuole si stanno organizzando, cercando soluzioni che evitino disagi e non aggirino divieti: l’importante ripetono al ministero è che i ragazzi vengano consegnati ad un adulto, potrebbe essere anche un genitore per classe, che poi però non si capisce che cosa debba fare degli e con gli studenti che gli sono affidati: li porta a casa o li «abbandona»? Ma intanto i presidi cominciano a invitare i genitori ad andare all’uscita da scuola o a mandare qualcuno. Tocca a loro, alle mamme soprattutto (e che poi nessuno si domandi perché il tasso di occupazione femminile è basso in Italia…), o per chi può alle babysitter. Fedeli consiglia i nonni perché «per loro è un gran piacere, andare a prendere i nipotini». Peccato che i tredicenni siano di solito più alti dei nonni medesimi e basta guardare le facce degli studenti nel servizio di «Tagadà» in cui interviene anche la ministra, quando la giornalista annuncia loro che d’ora in avanti dovranno tornare a casa per mano alla mamma, alla tata o ai nonni.

«L’assunzione di responsabilità»

Il nodo per ora non si può sciogliere: «Attenzione a non fare diventare questo caso un elemento di non assunzione di responsabilità da parte dei genitori nei confronti della legge», aggiunge Fedeli. Ma chi se non i genitori si deve assumere la responsabilità di rendere indipendenti e adulti i propri figli? La ministra consiglia un escamotage: andateli a prendere a scuola ma se «volete far sperimentare ai ragazzi un’autonomia – spiega sempre a Tagadà – lo si può fare non nel rapporto casa-scuola scuola-casa». Cioè al mattino si accompagnano i figli ma nel pomeriggio o nel week end li si fa uscire da soli, come se le ragioni di tutela della loro incolumità citate dalla legge non valessero più.

Gianna Fregonara, Corriere della Sera

Share
Share