Dieselgate. Per Le Monde, Fca avrebbe ricevuto una multa. Ma l’azienda smentisce

Share

Fiat Chrysler (Fca) ha smentito Le Monde. Quanto riportato sulla possibile manipolazione delle emissioni dei suoi motori diesel in Francia per favorire l’omologazione “non ha fondamento” e il gruppo sta collaborando con l’autorita’ giudiziaria.
Secondo il quotidiano, che cita un documento dell’inchiesta, Fca rischia una multa di 9,62 miliardi, piu’ di Psa, che potrebbe essere sanzionata per 5 miliardi. Fca ha anche precisato che non gli e’ stata notificata nessuna violazione e ha ribadito che, anche se non e’ stata informata dei fatti riportati, sta cooperando con l’autorita’ giudiziaria francese.
“Fca ritiene che le accuse riportate dalla stampa siano prive di fondamento e deplora il fatto che quell’informazione legata all’indagine sia resa pubblica ancora prima che Fca abbia l’opportunita’ di accedere ai documenti”, recita la nota del gruppo. Fca si riserva di agire in ogni modo per proteggere i suoi diritti. Di riflesso il titolo Fca ha recuperato quota in borsa, ora perde solo lo 0,14% a 14,72 euro, mentre gli analisti si soffermano sul tema dello spin-off di Magneti Marelli e Comau per fare i conti sull’impatto che l’operazione avrebbe in termini di valutazione.
In particolare secondo Equita “tornare a parlare del deal alimenta l`appeal speculativo, ma a livello quantitativo avrebbe effetto solamente in caso di valutazioni intorno all’estremo superiore del range ipotizzato”, si legge nella nota. Equita assegna al titolo un rating hold, con un prezzo obiettivo a 15,6 euro
Mentre gli esperti di Banca Akros sottolineano “Se applichiamo l’attuale multiplo enterprise value (ev)/ebitda (multiplo di mercato dato dal rapporto tra il valore di una societa’ e il margine operativo lordo) 2018 di Fca (circa 2 volte) all’ebitda atteso 2018 di Magneti Marelli otteniamo una valutazione implicita di mercato di circa 1,8 miliardi euro; il settore della componentistica scambia al momento a circa 6 volte in termini di ev/ebitda 2018, il che significa che lo scorporo/Ipo di Magneti Marelli potrebbe generare circa 3,9 miliardi di euro di valore o 2,5 euro per azione Fca “. Banca Akros assegna al titolo un giudizio buy con un prezzo obiettivo a 17,5 euro.
Banca Imi conferma la raccomandazione add e il prezzo obiettivo a 16,9 euro su Fca. Pur notando che non si tratta di indiscrezioni nuove, gli esperti evidenziano come le indicazioni della stampa sul valore potenziale di Magneti Marelli (ed eventualmente Comau) sembrino superiori a quelle incluse nelle proprie stime.

Roberta Castellarin, ItaliaOggi