La Serie A non parla italiano: solo Inghilterra e Belgio hanno più stranieri

Share

L’analisi del Centro Internazionale per lo studio sullo Sport rivela che il nostro campionato è terzo in Europa a livello di percentuale di giocatori esteri

serie-aL’Italia è al terzo posto nella classifica dei campionati europei che danno più spazio agli stranieri. E’ questo il risultato dello studio dell’Osservatorio Cies (Centro Internazionale per lo studio sullo Sport) che ha preso in considerazione i 12 principali tornei del Vecchio Continente. La Serie A con il 57.9% di giocatori non italiani utilizzati è preceduta solo da Inghilterra (66.4%) e Belgio (59.1%). I dati si basano sulle rose delle squadre nel mese di dicembre e non tengono conto delle piccole, click grandi rivoluzioni della finestra invernale di mercato. Secondo il CIES le basse percentuali di Francia, cheap Olanda e Spagna vanno correlate alle politiche volte a valorizzare i vivai delle rispettive federazioni.
PREMIER STRANIERA — In Premier League quindi ci sono quasi due terzi di stranieri e sembra lontano anni luce la stagione 1992-93 quando ai nastri di partenza si presentarono solo 12 giocatori non britannici o irlandesi (tra questi Eric Cantona del Leeds, Peter Schmeichel del Manchester United e Anders Limpar dell’Arsenal). All’ultimo posto della graduatoria invece c’è l’Ucraina con il 20.1% ma il dato è facilmente spiegabile con la fuga di massa dettata dalla guerra che ha funestato il paese negli ultimi anni. Gli stranieri temevano per l’incolumità propria e dei loro familiari e dal 2014 in poi hanno iniziato una sorta di esodo calcistico.
ATTACCANTI NEL MIRINO — I dati evidenziano che le squadre europee cercano soprattutto attaccanti: gli stranieri sono il 55.2% del totale mentre il ruolo con una componente autoctona più rilevante è quello del portiere (40.4%). A livello mondiale il numero di stranieri è in costante aumento: nella stagione 1985/86 erano solo il 9.1% del totale e 10 anni dopo (1995/1996, l’ultima senza gli effetti del caso Bosman) la quota era praticamente raddoppiata. Il grande salto avviene nei campionati successivi (nel 2000-1 il balzo fino al 35,6%) mentre nell’ultimo decennio l’aumento è stato graduale ma privo di improvvise accelerazioni.
LA SERIE A ATTUALE — Nella Serie A ci sono in questo momento 302 stranieri e Brasile e Argentina sono le nazioni più gettonate con un totale di 66 rappresentanti. Su un totale di 8 giocatori che fin qui non hanno perso neanche uno dei 2160 minuti della stagione, ben 7 sono stranieri (Handanovic, Albiol, Karnezis, Mario Rui, Reina, Skorupski e Moras) e l’unica eccezione è rappresentata dal portiere della Sampdoria Emiliano Viviano. Marek Hamsik invece è lo straniero che da più tempo veste la stessa maglia: lo slovacco è da 8 anni e mezzo al Napoli, un anno in più di Nicolas Frey e Juanito Gomez con le maglie di Chievo e Verona.
a
di Michele Gazzetti “Gazzetta dello Sport”