A giugno in crescita la fiducia di consumatori e imprese (costruzioni comprese)

spesa
Share

spesaSale la fiducia dei consumatori e delle imprese. L’Istat riferisce che l’indice composito del clima di fiducia dei consumatori, ampoule espresso in base 2010=100, store è aumentato a giugno a 109,5 da 106 del mese precedente. Anche l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane (Iesi, Istat economic sentiment indicator), in base 2010=100, è salito a 104,3 da 101,8 di maggio.
Sono in crescita tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori. Variazioni più marcate mostrano il clima economico (a 139,4 da 130) e quello futuro (a 119,4 da 114,7), mentre il clima personale e quello corrente presentano incrementi più lievi (rispettivamente, a 100 da 98,5 e a 103,3 da 101). Migliorano i giudizi e le attese dei consumatori sull’attuale situazione economica del Paese (rispettivamente a -56 da -64 e a 10 da 2). I saldi dei giudizi e delle attese sulla dinamica dei prezzi al consumo negli ultimi 12 mesi diminuiscono (a -21 da -14 e a -20 da -15). Le attese sulla disoccupazione diminuiscono a 9 da 29.
Riguardo le imprese, crescono tutti i climi di fiducia: quello delle costruzioni (a 119,7 da 111,8), quello dei servizi di mercato (a 109,0 da 105,1), quello del commercio al dettaglio (a 105,9 da 103,9) e, in maniera più lieve, quello del settore manifatturiero (a 103,9 da 103,4).
Nelle imprese manifatturiere, i giudizi sugli ordini e le attese di produzione rimangono stabili (a -13 e a 11, rispettivamente); il saldo dei giudizi sulle scorte di magazzino passa a 2 da 3.
Nelle costruzioni migliorano i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione (a -33 da -37) e le attese sull’occupazione (a -9 da -16).
Nelle imprese dei servizi salgono i giudizi sugli ordini (a 3 da 1) ma non le attese (a 4 da 6 il saldo) e crescono le attese sull’andamento generale dell’economia (a 18 da 7). Nel commercio al dettaglio migliorano sia i giudizi sulle vendite correnti (a 7 da 2) sia le attese sulle vendite future (a 23 da 22); risultano stabili le giacenze di magazzino (a 5). (Italia Oggi)

Share
Share