Marchionne a Montezemolo: “Nessuno è indispensabile”

ferrari
Share

ferrariL’ad Fiat: “La sua uscita non è in agenda, medical ma contano i risultati: noi non vinciamo da sei anni”

“Tutti sono utili, look nessuno è indispensabile”. Con queste parole Sergio Marchionne replica alle voci che vogliono un cambio ai vertici della Ferrari.
L’eventuale uscita di Luca Cordero di Montezemolo, “non è in agenda”. “Io e Luca siamo grandissimi amici ma quando ho letto le dichiarazioni, ho pensato che sono cose che non avrei mai detto su me stesso. Mi considero essenziale ma sono comunque al servizio dell’azienda”, dice l’ad Fiat spronando però la casa di Maranello a fare di più: “Crearsi una posizione o farsi delle illusioni al di fuori delle regole della dipendenza che esiste tra azienda e management è una cavolata che non esiste. Montezemolo ha fatto un grandissimo lavoro sui risultati economici della Ferrari. Poi c’è il tema dei risultati sportivi: sono tifoso da anni e vedere la Ferrari in queste condizioni pur avendo i migliori piloti del mondo, box efficienti, ingegneri veramente bravi e non vincere niente dal 2008… C’è un problema da risolvere, va bene vendere macchine ma bisogna vedere anche la Ferrari vincente in Formula Uno. Non voglio più vedere le nostre macchine in settima o dodicesima posizione, mi dà un fastidio enorme”.

Rossa di vergogna. Ferrari allo sbando
alonsoAlonso ritirato e il boss Mattiacci s’appellano ai tifosi mentre tra i top manager volano gli stracci

E adesso le resta solo il pubblico. La Ferrari sprofondata nel parco ha oggi un grande pilota di nome Alonso, che però non sa se rimarrà.
Ha un secondo pilota di nome Raikkonen che si è smarrito, nono, lontano, irriconoscibile.

Alonso: “Tifosi, scusateci”. E Lewis e Nico s’ignorano
Ha un presidente appassionato di nome Montezemolo che presto se ne andrà. E ha un motore spompo da inizio stagione. Un telaio imbarazzante non solo nelle forme. E, da ieri, anche una monoposto inaffidabile. Ad Alonso non accadeva di fermarsi per noie meccaniche da 86 gare, dal Gran premio della Malesia 2010, cinque stagioni, una vita. E invece gli è successo più o meno mentre da Cernobbio rimbalzavano le parole dell’ad Fiat Marchionne su Montezemolo: «Nessuno è indispensabile? I suoi risultati economici sono molto buoni, ma nel caso della Ferrari un manager deve essere valutato anche per i risultati sportivi. Sono sei anni che non vinciamo, abbiamo i migliori piloti del mondo e non possiamo partire tra il 7° e il 13° posto». Inutile la difesa d’ufficio da parte del numero uno del Coni Giovanni Malagò in visita a Monza: «Penso che l’uscita di Montezemolo per la Ferrari sarebbe una perdita a dir poco importante, forse insostituibile».
Ormai sul Cavallino volano gli stracci fra top manager e c’è il rischio di un danno d’immagine. No, non è vero, fa capire il team principal Mattiacci, «il danno d’immagine è ritirarsi e finire noni?» puntualizza. Resta però il caos. In pista e fuori. Nel dopo gara gli uomini di rosso vestiti si aggirano con sguardi smarriti e imbarazzati. Qualcuno buttando qua e là «comunque affrontiamo tutto a testa alta e ci rialzeremo, vedrete». Però, al momento, si vede che non sanno proprio dove guardare. Provano ad affidarsi al pilota, ma Alonso potrebbe andar via. Provano ad attaccarsi al presidente, ma Montezemolo andrà via. Cercano di lavorare duro per recuperare il divario e però le Mercedes vengono in casa loro a far le padrone.
Ieri Hamilton vincitore e Rosberg secondo hanno realmente combinato quel che volevano. Inscenando un festival di errori e piccoli contrattempi che, viste le polemiche della vigilia, in molti sospettano quasi orchestrato. Perché Lewis era scattato male dalla pole per colpa del sistema di partenza e Nico l’aveva passato e però Nico ha poi iniziato a sbagliare inspiegabilmente, a rallentare un poco, fino all’ultima svista in staccata che l’ha costretto a tagliare la prima variante, spalancando la porta al compagno.
Suvvia. Pure questo sa di schiaffo alla Rossa. Un team allo sbando che in casa deve assistere agli altri che giochicchiano fra loro e fanno la voce grossa. E gli altri non sono la Red bull che vende bibite, sono la Mercedes che costruisce auto di lusso. Forse anche per questo Marchionne è nero. E poi a schiaffo s’aggiunge schiaffo: con Massa, l’ex bistrattato dal Cavallino, felice sul podio.
Per questo alla fine, ad Alonso e alla Rossa resta solo lui: il pubblico. «Peccato per noi, peccato per i tifosi, la nostra gente, non siamo riusciti a dargli niente, ma questo, purtroppo, adesso, è ciò che possiamo offrire» dice Fernando. E come lui Mattiacci: «Noi abbiamo un obbligo morale verso questa gente, quello di tornare a vincere e vederla di nuovo sorridere».

Il Giornale

Share
Share