Unicredit, violazione di dati per 3 milioni di utenti nel 2015: “Nessun accesso ai conti”

Share

Unicredit è stata oggetto di un’intrusione informatica che ha riguardato i dati di quasi 3 milioni di clienti risalenti al 2015. Lo ha reso noto oggi la banca con una nota. Il team di sicurezza informatica dell’istrituto – si legge nella comunicazione ufficiale – ha identificato un caso di accesso non autorizzato a dati relativo a un file generato nel 2015. Questo file conteneva circa 3 milioni di records, riferiti al perimetro italiano, e risultava composto solo da nomi, città, numeri di telefono ed e-mail. L’istiuto sta  contattando, esclusivamente tramite posta tradizionale e/o notifiche via online banking, tutte le persone potenzialmente interessate.

Nell’accesso non autorizzato a file Unicredit, si spiega,  “non sono stati compromessi altri dati personali, né coordinate bancarie in grado di consentire l’accesso ai conti dei clienti o l’effettuazione di transazioni non autorizzate”.

Unicredit ha immediatamente avviato un’indagine interna e ha informato tutte le autorità competenti, compresa la polizia.

Repubblica

Share
Share