Libri, i numeri dei bestseller

Share

Le case editrici di libri in Italia non amano svelare quante copie dei loro titoli vendano nell’arco di un anno. Ci sono classifiche pubblicate su giornali, blog, siti web, ma praticamente mai si fa accenno al numero delle copie. Si sottolinea, più semplicemente, la posizione in graduatoria, il più venduto, il secondo, ma senza entrare nello specifico dei numeri.

Da un lato, abbastanza paradossalmente, le case editrici si appellano a una sorta di «segreto industriale» da tutelare, dall’altro, probabilmente, non è stato ancora raggiunto tra tutti gli attori un accordo globale sui parametri condivisi per compilare quelle classifiche.

Il mercato, tuttavia, fa riferimento al panel Gfk. E proprio sui dati di Gfk ItaliaOggi è in grado di squarciare il velo e di fare un po’ di chiarezza su questo comparto così popolare e amato, ma anche così poco esplorato dal punto di vista numerico.

Tra i dati raccolti da Gfk ve ne sono pure alcuni relativi a offerte commerciali, due libri a 9,90 euro, blocchi di titoli a prezzi scontati, che un po’ sporcano la classifica, come Universale Economica 1+1 di Feltrinelli, Gli Insuperabili Gold di Newton Compton, Leggimi una fiaba di Edibimbi, Le storie più belle di Gribaudo, Splash 1+1 di Piemme. Ma, al netto di queste eccezioni, lo scrittore che ha venduto di più in Italia nei primi dieci mesi del 2019 in termini di copie cartacee è il grande Andrea Camilleri (scomparso nel luglio di quest’anno) con le 254 mila copie de Il cuoco dell’Alcyon edito da Sellerio. Il secondo autore più venduto è Stefania Auci, con I leoni di Sicilia. La saga dei Florio (Editrice Nord) a quota 212 mila copie. E il terzo è Gianrico Carofiglio, con La versione di Fenoglio (edito da Einaudi) a 161 mila copie

Tanto per fare un piccolo paragone, nei 12 mesi del 2018 il titolo più venduto era stato L’amica geniale di Elena Ferrante, con 234 mila copie (sull’onda del successo della serie tv, poiché il romanzo di E/O era stato pubblicato nel 2011), seguito da Andrea Camilleri (Il metodo Catalanotti, edito da Sellerio) a quota 191 mila copie.

Tornando alla Top20 dei libri più venduti in Italia nel periodo gennaio-ottobre 2019, ecco Rien ne va plus (di Antonio Manzini, Sellerio) a 133 mila copie, che precede il premio Strega M. Il figlio del secolo (di Antonio Scurati per Bompiani) a quota 130 mila. Peraltro il volume di Scurati dedicato a Benito Mussolini è l’unico titolo della cinquina Strega a essere nelle prime 20 posizioni. Anche Fedeltà di Marco Missiroli (Einaudi), che alcuni davano per favorito allo Strega, per ora non è andato molto oltre le 50 mila copie.

In Top20 ci sono invece gli youtuber e gli influencer, tutti pubblicati da Mondadori Electa. Ad esempio Entra nel mondo di Lui e Sofi. Il fantalibro dei me contro te, a quota 129 mila copie (e Divertiti con Lui e Sofi. Il fantalibro dei me contro te aveva venduto 107 mila copie pure in tutto il 2018); oppure Giulia De Lellis e Stella Pulpo, con Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza!, che ha venduto 106 mila copie; e il duo Valerio Mazzei e Sespo, che con #valespo, in dieci mesi del 2019, ha raggiunto 81 mila copie.

Qualcuno si chiederà come mai in classifica non appaia Fabio Volo: il suo Una gran voglia di vivere è uscito a fine ottobre, e quindi non compare nella graduatoria di Gfk che si ferma, appunto, a ottobre. Ma sarà sicuramente tra i libri di maggiore successo del 2019, così come il nuovo titolo della Ferrante. Tuttavia la Ferrante è già nella Top20, con L’amica geniale, che dopo il successo 2018 ha venduto 89 mila copie anche nel periodo gennaio-ottobre 2019, così come KM 123 di Andrea Camilleri (Mondadori).

Claudio Plazzotta, ItaliaOggi

Share
Share