Renault Punch Torino, protocollo d’intesa per i motori diesel

Share

Il Gruppo Renault (nella foto, l’a. d. Luca de Meo) e Punch Torino, centro per lo sviluppo di sistemi di propulsione e la relativa elettronica di controllo, hanno siglato un protocollo d’intesa vincolante per i motori diesel Renault 4 cilindri per i veicoli commerciali leggeri. In base all’accordo, Punch potrà acquistare, utilizzare e rivendere gli attuali e i futuri motori diesel 4 cilindri di Renault. Il Gruppo Renault farà rientrare questa partnership nell’ambito del Progetto Horse annunciato in occasione del Capital Market Day.I due partner uniranno le forze per lo sviluppo delle varianti Euro VI ed Euro 7 dei motori diesel Renault 4 cilindri per i veicoli commerciali leggeri, la cui produzione è prevista a partire dal 2025. La produzione di motori per soddisfare le esigenze dei partner sarà realizzata presso lo stabilimento Renault di Cleon in Normandia, Francia. “Siamo lieti di stringere una partnership con Punch Torino, che acquisterà i motori diesel Renault 4 cilindri per i suoi clienti dei veicoli commerciali leggeri – commenta Gilles Le Borgne, direttore Ingegneria del Gruppo Renault – è una prova concreta dell’importanza del Progetto Horse, che apre nuove opportunità di mercato. La condivisione delle competenze e degli investimenti è di fondamentale importanza per sviluppare motori a combustione a basse emissioni in grado di soddisfare le future normative europee e di fornire ai nostri clienti le migliori soluzioni della categoria, riducendo al tempo stesso l’impatto ambientale”. “La nostra storia come parte di un costruttore automobilistico – afferma Pierpaolo Antonioli, Chief Executive Officer di Punch Torino – ci ha sicuramente aiutato a conquistare la credibilità necessaria per instaurare questa collaborazione. Questo accordo getterà le basi per una potenziale futura collaborazione tra i partner, inclusi i motori a combustione interna a idrogeno, su cui Punch, tramite la sua affiliata Punch Hydrocells, vanta una notevole esperienza”.