Università Federico II di Napoli, domani si celebreranno i 150 anni della facoltà di Agraria

Share

La facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II domani, celebrerà i 150 anni. La cerimonia, che avrà inizio alle 10 al Galoppatoio Reale di Palazzo Mascabruno tra storia, ricordi, testimonianze e performance teatrali, sarà aperta dai saluti istituzionali di Matteo Lorito, Rettore dell’Università Federico II, Marta Schifone, Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste, Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania, Gaetano Manfredi, Sindaco della Città Metropolitana, Vincenzo Cuomo, Sindaco della Città di Portici, e Danilo Ercolini, Direttore del Dipartimento di Agraria. Della storia, della formazione, della scienza in 150 anni dalla fondazione della Scuola fino all’attuale Dipartimento di Agraria parleranno i docenti Stefano Mazzoleni, Domenico Carputo, Paola Adamo e rappresentanti degli studenti delle associazioni studentesche. Verrà poi presentato il restauro dei saloni della Reggia, riaperti al pubblico proprio in occasione della cerimonia dei 150 anni, dal Direttore Generale SABAP Luigi La Rocca, dal segretario regionale Teresa Elena Cinquantaquattro, e dalle referenti Direzione lavori Brunella Como e Palma Maria Recchia. Parteciperanno alle celebrazioni gli attori Adriano Falivene e Nunzia Schiano, porticese doc. Modererà l’evento Pippo Pelo.Alle 12.30 la fanfara del X Reggimento Carabinieri Campania si esibirà nella Sala Cinese della Reggia. Seguirà l’inaugurazione dei saloni del piano nobile della Reggia attigui alla Sala Cinese sottoposti a lavori di restauro e risanamento conservativo appena terminati e che presto ospiteranno i musei delle scienze agrarie in cui troveranno spazio le collezioni entomologiche finora mai esposte al pubblico. ‘Celebriamo un anniversario importantissimo: i 150 anni del punto di riferimento nelle scienze agrarie per la Campania, principalmente, ma anche a livello nazionale e internazionale’, sottolinea Danilo Ercolini, Direttore del Dipartimento di Agraria. “Da Scuola Superiore di Agricoltura a Dipartimento universitario di eccellenza riconosciuto a livello nazionale e internazionale che collabora con università e di centri di ricerca di tutto il mondo. Celebriamo la crescita: della didattica, della ricerca e del territorio. L’Università ha anche ridato ai cittadini e al Paese i luoghi della storia avviando operazioni di recupero e di restauro di aree e sedi di grande prestigio abbandonate al degrado, lavorando in sinergia con tutte le istituzioni. Nella sua mission pure la valorizzazione della Reggia e la fruizione pubblica degli oltre 35 ettari di parco. Coerentemente con l’attività e la qualità della ricerca e dei primati raggiunti, il Dipartimento è perno fondamentale della Federico II per Agritech, il centro nazionale per lo sviluppo delle nuove tecnologie in agricoltura di cui l’ateneo federiciano è ente promotore e responsabile dell’hub nazionale”.