Civitanavi Systems, siglato l’accordo di finanziamento convertibile in azioni della società

Share

Civitanavi Systems S.p.A. (nella foto, l’a. d. Andrea Pizzarulli), annuncia che Civitanavi Systems Ltd, azionista di maggioranza della Società e titolare di una partecipazione pari al 73% del capitale sociale di CNS, ha comunicato alla Società, in data odierna, l’avvenuto perfezionamento di un contratto di finanziamento che prevede la restituzione dell’importo finanziato mediante corresponsione di azioni della Società. Il finanziamento dell’importo di Euro 5.063.000 dovrà essere integralmente convertito in azioni della Società entro il 28 Febbraio 2024. Ad esito dell’Operazione, la percentuale massima di partecipazione al capitale sociale di CNS detenuta dal finanziatore, attualmente già titolare di una partecipazione pari allo 0,98% del capitale sociale, sarà pari al 5,09% dello stesso. L’operazione rientra in un progetto più ampio volto (i) in parte a rifinanziare parzialmente Civitanavi Systems Ltd a seguito dell’esborso sostenuto per l’acquisto del 12,7% del proprio capitale sociale da PSJC Perm Scientific-Industrial Instrument Making Company (PNPPK) (si veda comunicato stampa del 10 ottobre 2022) e (ii) in parte a finanziare la provvista necessaria a sostegno del Piano di Stock option implementato dalla Civitanavi Systems Ltd già dal 2012, (che dovrà fungere da sostituto di imposta in sede di esercizio) a beneficio di circa 30 dipendenti della Società (il “Piano”). Nel contesto dell’emissione del finanziamento convertibile, di cui sopra, è prevista la modifica del Piano al fine di offrire ai beneficiari la possibilità di ricevere in assegnazione azioni di CNS già detenute in portafoglio da Civitanavi Systems Ltd, in sostituzione del diritto di sottoscrizione di azioni proprie di Civitanavi Systems Ltd. Gli accordi prevedono l’assunzione da parte dei dipendenti della Società di un vincolo di lock-up che non consentirà agli stessi di disporre delle azioni ricevute per un periodo di 18 mesi derogabile solo ed unicamente al verificarsi delle seguenti condizioni: (i) che le vendite sul mercato avvengano a un prezzo non inferiore a Euro 5 per azione (ii) che le vendite fuori mercato avvengano ad un prezzo non inferiore a Euro 4 per azione corrispondente al prezzo iniziale di quotazione. Per l’intera durata del periodo di lock up qualsivoglia operazione di disposizione delle azioni, sul mercato o fuori mercato, potrà avvenire solo per il tramite di Intermonte SIM in qualità di intermediario autorizzato. Infine, si specifica che sia l’operazione di finanziamento convertibile sia la modifica del Piano hanno l’ulteriore obiettivo di aumentare il flottante della società quotata per incrementare la liquidità del titolo.