Fs Italiane, nasce il progetto “Cantieri Parlanti”

Share

Ieri è stato presentato a Genova il nuovo progetto di Cantieri Parlanti che “darà voce” a 30 opere strategiche in tutta Italia nella cui realizzazione sono impegnate ogni giorno migliaia di persone. E’ pensato e realizzato dal Gruppo FS Italiane (RFI e Italferr), con WeBuild in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il Commissario Straordinario per il Progetto Unico Terzo Valico-nodo di Genova, Calogero Mauceri. “E’ un’iniziativa volta a rendere più trasparente quel che accade nel cantiere, compresa la fine dell’opera stessa”, ha spiegato Luigi Ferraris, nella foto, ad del gruppo Fs. Tutti i cantieri del Polo Infrastrutture del Gruppo FS, dedicati a opere finanziate con fondi PNRR, “parleranno” un linguaggio semplice, trasparente e immediato, condiviso con i territori, per raccontare la loro storia e la loro mission e per rendere i cittadini e gli stakeholder più consapevoli e aggiornati sull’importanza delle opere in corso: pannelli informativi e tabelloni racconteranno le opere, la loro importanza, i loro numeri, lo stato d’avanzamento, le ricadute ambientali. “Un’operazione di trasparenza, oltre che di informazione, per illustrare i vantaggi dell’opera e fornire dati aggiornati attraverso pannelli esclusivi collocati all’interno dei cantieri, ma sempre ben visibili alla cittadinanza e a chi transita sulle linee e sulle strade limitrofe ai cantieri” spiega FS. I Cantieri Parlanti comunicheranno anche tramite un pagina dedicata alle opere strategiche, presente su www.fsitaliane.it, aggiornata sullo stato dei fatti, l’avanzamento delle attività e su quanto avviene nei territori interessati con l’ausilio delle webcam che riprendono le attività dei cantieri. Verranno, infine, organizzate iniziative ad hoc che trasformeranno i cantieri in veri hub di comunicazione, aperti al pubblico esterno (cittadini, associazioni, studenti, ecc) per favorire momenti di confronto sulle trasformazioni che intere aree urbane vivono e vivranno grazie all’opera in corso.