Alzheimer, scoperto un gene fondamentale per la comparsa della malattia

Share

Un altro passo avanti nella lotta contro la malattia di Alzheimer. I ricercatori della NYU Grossman School of Medicine e della Icahn School of Medicine del Mount Sinai hanno chiarito meglio il ruolo del gene l’inositolo polifosfato-5-fosfatasi D (INPP5D) nell’insorgenza dell’Alzheimer, grazie ad uno studio sui topi. Hanno scoperto che un cambiamento nel codice del DNA (mutazione) di un gene che svolge un ruolo chiave nelle difese immunitarie del cervello può impedire alle cellule correlate di eliminare i grumi pieni di proteine. L’accumulo di tali grumi, chiamati anche placche, innesca una risposta immunitaria che può uccidere le cellule cerebrali e può portare alla demenza associata al morbo di Alzheimer. Le nuove scoperte potrebbero offrire un potenziale nuovo bersaglio per le terapie che influenzano direttamente la mutazione genetica, secondo gli autori dello studio.“I nostri risultati forniscono nuove prove del fatto che l’inositolo polifosfato-5-fosfatasi D svolge un ruolo fondamentale nel consentire alle cellule microgliali di difendere il cervello dall’accumulo di placca”, afferma il co-autore principale dello studio Philip Hasel, ricercatore post-dottorato presso la NYU Langone Health Istituto di Neuroscienze.
    L’indagine, pubblicata su Alzheimer’s and Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association, ha anche rivelato che più microglia si raggruppavano attorno ai siti della placca nei topi privi di INPP5D microgliale, anche se gli autori dello studio inizialmente si aspettavano che accadesse il contrario. Una possibile spiegazione, dicono, è che le cellule immunitarie malfunzionanti non potrebbero più digerire efficacemente la placca che hanno ingoiato e, di conseguenza, sono state reclutate più microglia per eliminare i depositi. Hasel aggiunge che INPP5D non è stato l’unico gene esplorato nell’indagine. Gli autori dello studio hanno anche collegato per la prima volta un gruppo di geni all’accumulo di placca quando hanno scoperto che nei topi carenti di INPP5D, più della metà dei geni di questo gruppo erano attivi nelle cellule strettamente legate alla placca. In particolare, questo ammasso è noto per produrre molecole che innescano l’infiammazione nella malattia di Parkinson, nella malattia di Huntington e in varie forme di demenza.  Il gene in questione, l’inositolo polifosfato-5-fosfatasi D (INPP5D), contiene istruzioni per la costruzione di enzimi che spingono le cellule immunitarie chiamate microglia a fagocitare la placca, pezzi danneggiati di cellule cerebrali, nonché batteri e virus. Mentre gli studi precedenti hanno collegato questo gene alla malattia di Alzheimer, il suo ruolo specifico nella condizione non era stato finora chiaro. Il gene in questione, l’inositolo polifosfato-5-fosfatasi D (INPP5D), contiene istruzioni per la costruzione di enzimi che spingono le cellule immunitarie chiamate microglia a fagocitare la placca, pezzi danneggiati di cellule cerebrali, nonché batteri e virus. Mentre gli studi precedenti hanno collegato questo gene alla malattia di Alzheimer, il suo ruolo specifico nella condizione non è stato chiaro. Lo studio ha dimostrato che in soli tre mesi, i topi geneticamente modificati che non avevano il gene INPP5D nella loro microglia hanno sviluppato il 50% in più di depositi di placca rispetto ai topi con microglia normale, con le placche nei topi con la mutazione in media di dimensioni maggiori.