Place to Bergamo, un passato che dovrebbe ritornare

Share

(di Tiziano Rapanà) Il Coronavirus ha deturpato il volto sociale delle città. Non tutte per fortuna. Ma il virus ha fatto danni incalcolabili, soprattutto a Bergamo. Lì sì odono i suoni di una tragedia, che ha spezzato il cuore pulsante della Lombardia. Adesso Bergamo si è ripresa, ma le ferite sono tante e sanguinano ancora. Qui in scrivania c’è un dvd che mi fa compagnia da qualche anno e ogni tanto lo rivedo. Un dvd che racconta una Bergamo allegra, vivace, a misura di cittadino e turista. Il disco contiene un film di cinquanta minuti, diviso in pillole, che racconta la storia e i punti d’interesse di Bergamo. Non penso sia ancora in vendita. Si chiama Place to Bergamo e mi è stato donato da un caro amico che vive in quelle zone. Il filmato è stato realizzato nel 2009, tredici anni fa. Altri tempi: si viveva in un’Italia diversa. Il digitale terrestre sembrava la novità tecnologica più interessante e l’ombra della precarietà obnubilava la mente dell’essere umano, ma non al punto da gettare l’individuo in una perpetua depressione: era ancora un’ombra meschina che si palesava lentamente nei meccanismi del vivere quotidiano. Il peggio sarebbe venuto dopo, con le conseguenze che conosciamo. A quei tempi la pandemia era un’occasione fantasiosa per fare un libro o film apocalittico. Oggi la realtà è ben diversa, la sciagura domina il mondo dell’informazione. Come sembra lontanissimo il 2009, eppure sono solo passati undici anni. Place to Bergamo riporta la città a quei giorni felici dominati da un estasiante fermento culturale. Il film non è un documentario, ma una cartolina audiovisiva che presenta la città al mondo. Il progetto è nato per dire ai turisti: “Quanto è bella Bergamo”. E lo è davvero. Il filmato, diretto e montato da Roger Fratter, risalta questa soave beltà. Ora non posso farvi dei girotondi di retorica, una capatina a Bergamo dovreste farla per ammirare la splendida piazza vecchia di Bergamo alta o la magnifica basilica di Santa Maria Maggiore. Il film è un lavoro diviso in 8 pillole, dedicato anche ai laghi e le montagne e i presidi di arte e cultura. Non penso possiate acquistarlo, ma spero riusciate a reperirlo da qualche parte: il dvd vi dà l’occasione guardare le tante facce allegre e avvenenti di una città mitica.

tiziano.rp@gmail.com