Triboo, ricavi a 48,3 mln

Share

Il Consiglio di Amministrazione di Triboo S.p.A. (“Triboo” o “Società”), Gruppo attivo nel settore digitale e quotato su Euronext Milan, sotto la Presidenza di Riccardo Maria Monti, nella foto,ha esaminato e approvato la Relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2022, redatta secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS. “Grazie al grande lavoro dei nostri collaboratori ed ai significativi investimenti per il nostro sviluppo, Triboo si conferma quale leader nel settore digitale, mettendo sempre al centro del proprio lavoro il cliente ed il benessere dei propri dipendenti” – commenta Riccardo Maria Monti Presidente del Consiglio di Amministrazione di Triboo S.p.A. “In un contesto macroeconomico di eccezionale difficoltà i numeri dimostrano la nostra resilienza e la capacità del Gruppo di continuare ad operare e crescere in modo sostenibile e redditizio.” Nel corso del primo semestre del 2022, Triboo ha continuato nel suo percorso di crescita, sia in termini di ricavi che di marginalità, a conferma dell’unicità dell’offerta attraverso la quale il Gruppo è in grado di presentarsi sul mercato. I ricavi consolidati al 30 giugno 2022 sono pari a 48,3 milioni di euro, in crescita del 5,1% rispetto ai 45,9 milioni di euro del primo semestre dello scorso esercizio, grazie anche alla decisa ripresa dei settori Media e Advertising, maggiormente impattati dagli effetti derivanti dall’emergenza sanitaria Covid-19 nei precedenti. esercizi. Anche in termini di marginalità, il Gruppo chiude il primo semestre del 2022 con un risultato in crescita rispetto al semestre di confronto; complessivamente l’EBITDA si attesta a 6,4 milioni di euro (rispetto a 6,3 milioni di euro del primo semestre 2021), mentre l’EBITDA adjusted registra una crescita del 4,6% (6,6 milioni di euro al 30 giugno 2022, rispetto a 6,3 milioni di euro nel semestre di confronto). A livello di singole Divisioni, la divisione Digitale registra ricavi pari a 36,9 milioni di euro con un EBITDA pari a 4,7 milioni di euro, mentre la divisione Media chiude i primi sei mesi dell’anno con ricavi pari a 11,6 milioni di euro con una marginalità pari a 1,8 milioni di euro.