Con una terapia ormonale si può smettere di russare

Share

Le donne che assumono la terapia ormonale sostitutiva per i sintomi della menopausa potrebbero scoprire che aiuta loro anche a smettere russare. Sono questi i risultati di un recente studio pubblicato sulla rivista Plos One, condotto dai ricercatori dell’Università di Bergen, in Norvegia. Circa una donna su 20 in post-menopausa soffre di apnea ostruttiva del sonno, una condizione che causa il collasso delle vie aeree che può causare un forte russare e svegliare qualcuno fino a 40 volte a notte. Lo studio suggerisce che l’apnea notturna è più comune nelle donne in post-menopausa perché hanno livelli più bassi di ormoni estrogeni e progesterone.
 Gli esperti norvegesi hanno seguito per due anni quasi 800 donne di età compresa tra i 40 ei 67 anni. Alle donne è stato somministrato un questionario sul sonno per determinare se fosse probabile avere un’apnea ostruttiva del sonno. Gli esami del sangue hanno mostrato che se le donne fossero in grado di raddoppiare la quantità di un tipo di estrogeno chiamato estrone nel loro corpo, avrebbero il 19% in meno di probabilità di avere sospetta apnea ostruttiva del sonno. Inoltre, se potessero raddoppiare la loro quantità di progesterone, avrebbero il 9% in meno di probabilità di avere la condizione. 
Kai Triebner, autore e ricercatore dell’Università di Bergen, ha dichiarato: “Questo studio è entusiasmante perché suggerisce che la terapia ormonale sostitutiva potrebbe essere una soluzione per le donne che soffrono di russamento e apnea notturna a causa della menopausa. È importante perché l’apnea notturna è collegata a condizioni gravi come malattie cardiache e ictus.