Generali, consuntivazione del Piano azionario collegato al mandato 2019-2021 dell’Amministratore Delegato

Share

 Si comunica che il 20 giugno u.s. si è concluso il periodo di misurazione della performance del Piano azionario collegato al mandato 2019-2021 del Group CEO Philippe Donnet, nella foto, approvato dall’Assemblea il 30 aprile 2020, i cui termini sono richiamati infra e illustrati in dettaglio nella documentazione assembleare pubblicata sul sito www.generali.com.

Sulla base dei risultati degli indicatori registrati al 31 dicembre 2021 per l’EPS Growth e al 20 giugno 2022 per il TSR (Total Shareholders Return), e verificata la sussistenza di tutte le ulteriori condizioni previste dallo stesso (riportate infra), il Consiglio di Amministrazione del 22 giugno 2022 ha deliberato – in attuazione del Piano – un aumento di capitale ai fini dell’attribuzione gratuita al dott. Philippe Donnet, del 50% delle azioni previste dal Piano (c.d. “Prima Tranche”), pari a n. 239.893 azioni della Società dal valore nominale implicito, inclusive delle azioni aggiuntive determinate in base all’importo dei dividendi complessivamente distribuiti nel corso del triennio di performance, sulla base del meccanismo c.d. “dividend equivalent”. Le azioni attribuite saranno assoggettate per il 50% a un vincolo di indisponibilità per un anno dall’attribuzione.

Decorsi due anni dall’attribuzione delle azioni della “Prima Tranche” e verificate le ulteriori condizioni previste dal regolamento del Piano, potrà essere attribuito il restante 50% delle azioni relative alla “Seconda Tranche” (attualmente pari a n. 239.892 azioni, a cui saranno aggiunte le azioni che saranno determinate in base all’importo dei dividendi complessivamente distribuiti nel corso degli ulteriori due anni di differimento sulla base del citato meccanismo di “dividend equivalent”). Le azioni attribuite saranno assoggettate per il 50% a un vincolo di indisponibilità per un ulteriore anno dall’attribuzione.

L’esecuzione di quanto deliberato è subordinata all’autorizzazione da parte di IVASS delle relative modifiche dello Statuto Sociale.

Si ricorda che i termini del Piano sono stati approvati dall’Assemblea degli Azionisti, prevedendo a favore dell’Amministratore Delegato/Group CEO l’attribuzione gratuita fino a un massimo di n. 690.000 azioni Assicurazioni Generali, al verificarsi delle condizioni e in relazione al grado di raggiungimento degli obiettivi del Piano come di seguito indicati:

  • mantenimento, da parte dell’Amministratore Delegato/Group CEO, della titolarità di n. 550.000 azioni Assicurazioni Generali (rivenienti da precedenti piani azionari e/o autonomamente acquistate da detenere in portafoglio a partire da settembre 2019) sino al termine del mandato 2019-2021 di Amministratore;
  • conseguimento di due specifici obiettivi triennali, fra loro indipendenti (e con un peso di 50% ciascuno), in termini di Total Shareholders Return (TSR) assoluto (con payout massimo al raggiungimento di un risultato di + 46% di TSR assoluto) calcolato nel periodo 20 giugno 2019 (incluso) – 20 giugno 2022 (incluso) e di Earning per Share Growth (EPS Growth) (con payout massimo al raggiungimento di un risultato di + 8% di CAGR1), calcolato nel periodo 2019-2021;
  • superamento di predeterminate soglie di Regulatory Solvency Ratio e mancato verificarsi di ipotesi di malus in linea con la Politica retributiva di Gruppo;
  • mantenimento della carica di Amministratore Delegato fino al termine del mandato 2019-2021, con perdita di ogni diritto derivante dal Piano in caso di cessazione del rapporto di amministrazione, prima di tale termine, per dimissioni volontarie o revoca per giusta causa (e mantenimento invece dei diritti pro rata temporis – subordinatamente al raggiungimento degli obiettivi e fermi gli ulteriori termini e condizioni del Piano – negli altri casi di cessazione);
  • attribuzione delle azioni (determinate sulla base del grado di raggiungimento degli obiettivi e inclusive delle azioni aggiuntive assegnate in base al meccanismo del cd. “dividend equivalent”) in due tranche, ossia il 50% al termine del periodo di performance del Piano e il 50% decorsi ulteriori due anni. Le azioni attribuite in ciascuna tranche saranno inoltre assoggettate per il 50% a un vincolo di indisponibilità per un ulteriore anno.