Allo studio soluzioni tecniche per aumentare la produzione di grano

Share

Soluzioni tecniche che potrebbero consentire di aumentare del 12% la produzione di grano tenero e duro italiano con un risparmio per le aziende agricole del 9% rispetto ai costi di coltivazione tradizionali. È questa la ricetta virtuosa che Consorzi Agrari d’Italia, Sis-Società Italiana Sementi e Ibf Servizi hanno proposto alle oltre 700 aziende agricole che hanno partecipato alle “Giornate in Campo 2022”, tour tra alcuni degli oltre 30 campi sperimentali gestiti dal gruppo per l’Italia conclusosi oggi con l’evento di Poggio Renatico (Ferrara). Caldo torrido e assenza di piogge, ad oggi, potrebbero influire in maniera determinante sulle rese dei campi di grano del Paese, mentre i prezzi dovrebbero attestarsi in linea con le medie del periodo nonostante i costi di produzione più che raddoppiati per le aziende agricole rispetto al 2021. Negli areali di Emilia-Romagna e Veneto le prime previsioni parlano di un calo intorno al 10%, mentre per le regioni centrali la diminuzione potrebbe attestarsi intorno al 15-20%. La forbice si allarga al Sud con un calo tra il 15 e il 30% soprattutto nelle isole. I dati sulle superfici coltivate a cereali, fermi a gennaio secondo la rilevazione Istat che non tiene conto delle semine tardive di numerose regioni, vedono il frumento tenero attestarsi a poco più di 500mila ettari (+1% rispetto allo scorso anno), mentre il grano duro è fermo a 1,21 milioni di ettari (-1,5% rispetto al 2021). In controtendenza i dati sulle superfici destinate a grano da seme, sotto l’impulso di una maggiore richiesta di cereali certificati, con il grano duro che segna +8% e il tenero sostanzialmente invariato rispetto allo scorso anno, segno anche di una fiducia crescente degli agricoltori verso tipologie di semi particolarmente richieste sul mercato attraverso contratti di filiera. Alla luce degli enormi costi energetici che si sono abbattuti sui bilanci aziendali, e della guerra in corso in Ucraina, con il costo dei concimi tradizionali, scarsamente reperibili sul mercato, schizzati verso l’alto (urea +150% in media, fosfato biammonico Dap +100%), l’attività sperimentale di CAI ha provato a cercare soluzioni in grado di ridurre le quantità distribuite, impiegando concimi più performanti ed innovativi e perseguendo lo scopo di nutrire i cereali nel rispetto dell’ambiente con tecniche efficaci e sostenibili. I pilastri sono l’utilizzo di concimi azotati a cessione controllata e fosforo protetto della retrogradazione, completati dall’utilizzo di batteri azotofissatori e concimi liquidi, con una grande attenzione a mantenere la fertilità dei terreni agricoli. L’impiego dei prodotti viene inoltre efficientato dall’ausilio di tecniche di agricoltura di precisione che consentono di concimare le colture solo dove c’è bisogno, perseguendo l’aumento delle produzioni con l’attenzione alla razionalizzazione dei costi.  Si punta, dunque, ad un’agricoltura di precisione. Ibf Servizi, sfruttando le soluzioni tecnologiche disponibili sul mercato, ed il know how maturato anche grazie alla costante collaborazione con le aziende del gruppo, imposta il flusso di lavoro relativo all’assistenza alla gestione agronomica indagando e gestendo in modo dinamico le interazioni tra suolo, pianta ed atmosfera. L’adozione delle tecniche di agricoltura di precisione, così testate su oltre 900mila ettari serviti in Italia, permette di ottimizzare l’uso delle risorse aziendali, arrivando a risparmiare in alcuni casi fino al 15% di concime, o fino al 20% di acqua su colture irrigue, con l’obiettivo di innalzare le rese, rispetto ad una conduzione tradizionale.