Enel: verificati i requisiti di onorabilità, professionalità e indipendenza dei nuovi Sindaci

Share

Si è riunito per la prima volta nel pomeriggio del 25 maggio sotto la presidenza di Barbara Tadolini, il nuovo Collegio Sindacale di Enel S.p.A. nominato dall’Assemblea degli Azionisti svoltasi lo scorso 19 maggio.

Secondo quanto previsto dal Regolamento Emittenti Consob e dal Codice italiano di Corporate Governance, il Collegio Sindacale ha verificato il possesso da parte di tutti i suoi componenti effettivi (Barbara Tadolini, Luigi Borrè e Maura Campra) dei requisiti di indipendenza previsti tanto dalla legge (art. 148, comma 3 del Testo Unico della Finanza) quanto dal medesimo Codice italiano di Corporate Governance (Raccomandazione 7, come richiamata dalla Raccomandazione 9) per i sindaci di società con azioni quotate.  

Il Consiglio di Amministrazione, riunitosi ieri sotto la presidenza di Michele Crisostomo, nella foto, ha accertato in capo ai componenti del nuovo Collegio Sindacale i requisiti di onorabilità e professionalità previsti per i sindaci di società con azioni quotate dal Decreto del Ministero della Giustizia 30 marzo 2000, n. 162, come integrati – per quanto riguarda i soli requisiti di professionalità – dall’art. 25.1 dello statuto sociale di Enel. Il Consiglio di Amministrazione ha altresì preso atto dei risultati dell’indicata verifica compiuta dal nuovo Collegio Sindacale circa il possesso in capo ai Sindaci effettivi dei requisiti di indipendenza previsti dalla legge.