Il consumo eccessivo di zucchero in Canada costa allo Stato 5 mld di dollari all’anno

Share

Due canadesi su tre consumano più zucchero di quanto hanno bisogno e il consumo eccessivo di zucchero in Canada costa allo Stato 5 miliardi di dollari all’anno, a causa dei costi diretti e indiretti legati a 16 malattie croniche. A dirlo sono i ricercatori dell’Università di Alberta in un nuovo studio pubblicato sul Canadian Journal of Public Health. Nell’articolo, i ricercatori chiedono ai governi di utilizzare la tassazione, i sussidi, l’istruzione e altre misure per incoraggiare abitudini alimentari più sane, affermando che è “un’area di urgente bisogno di azione” nell’era della pandemia post-Covid-19. “Questa pandemia ci ha portato stili di vita più malsani, dal punto di vista dell’alimentazione, dell’attività fisica e del tempo sullo schermo per i bambini. Se non agiamo ora, dovremmo aspettarci più malattie croniche come il diabete di tipo 2 negli anni a venire”, ha affermato il ricercatore principale Paul Veugelers, professore presso la U of A’s School of Public Health. “I costi sanitari per le malattie croniche sono in aumento”, ha affermato Veugelers. “Non abbiamo solo bisogno di rendere più efficiente il nostro sistema sanitario, dovremmo anche agire dal lato della domanda investendo nella prevenzione primaria per assicurarci di avere meno pazienti con malattie croniche. Affrontare il consumo di zucchero è una strategia per raggiungere questo obiettivo”.Sia la Guida alimentare canadese che l’Organizzazione mondiale della sanità raccomandano di consumare meno del 10% della nostra assunzione giornaliera di energia come “zucchero libero” da alimenti a base di zucchero aggiunto e succhi naturalmente dolci, miele e sciroppo. Per ulteriori benefici per la salute, si raccomanda meno del cinque per cento. Utilizzando i dati riportati nel Canadian Community Health Survey 2015 sulla nutrizione, i ricercatori hanno scoperto che due canadesi su tre mangiano più zucchero di quanto raccomandato. Hanno quindi stabilito stime di rischio per 16 condizioni croniche legate alla dieta, tra cui diabete, malattie cardiovascolari, cancro, malattie renali e lombalgia. Inoltre, hanno calcolato i costi sanitari diretti evitabili come medici, ospedali e farmaci, insieme ai costi indiretti come le perdite di produttività dovute a malattie e disabilità. Gli esperti, attraverso lo studio, hanno concluso che se i canadesi avessero seguito la raccomandazione del 10% nel 2019, si sarebbe potuto risparmiare circa 2,5 miliardi di dollari e si sarebbero potuti evitare 5 miliardi di dollari di costi seguendo la raccomandazione più rigorosa del cinque per cento. Il trattamento e la gestione delle malattie croniche rappresentano il 67% di tutti i costi sanitari in Canada, hanno riferito, con un prezzo annuo fino a 190 miliardi di dollari. I ricercatori hanno stimato che limitare il consumo di zucchero gratuito a meno del 10% dell’apporto energetico potrebbe ridurre la prevalenza del diabete del 27% e tale beneficio potrebbe raggiungere il 44,8% se i canadesi limitassero il consumo di zucchero a meno del 5%. Quaranta paesi e città in tutto il mondo hanno già introdotto una tassa speciale sulle bevande zuccherate come disincentivo al consumo, basandosi sugli insegnamenti delle misure di controllo del tabacco. Ma in questo studio i ricercatori spingono per un approccio più ampio, perché hanno scoperto che solo il 17% dei costi relativi al consumo di zucchero potrebbe essere ricondotto allo zucchero bevande. Invece, sostengono tasse più elevate su tutti i prodotti con aggiunta di zucchero e di destinare le entrate fiscali ai sussidi per alimenti sani, programmi educativi, limiti alla pubblicità per i bambini e una migliore etichettatura dei prodotti.