Fondazione ANIA in “Doc – Nelle tue mani”

Share

Diffondere la cultura assicurativa in Italia, promuovendo valori fondamentali come prevenzione e protezione anche grazie a nuove forme di comunicazione e nuove idee. Nasce da questi presupposti la collaborazione tra la Fondazione ANIA (nella foto, la presidente Maria Bianca Farina) e la società di produzione Lux Vide per un’operazione di product placement all’interno della seconda stagione di Doc – Nelle tue mani, una delle serie TV italiane di maggior successo degli ultimi anni. La onlus del settore assicurativo è entrata nel progetto con lo Street Health Tour, l’iniziativa itinerante nata nel 2017 che mette a disposizione check up medici gratuiti utilizzando un truck che sosta nelle piazze delle principali città italiane.Il tour della salute della Fondazione ANIA è stato citato per la prima volta nella puntata andata in onda il 17 febbraio che, con oltre 6,5 milioni di spettatori, ha registrato l’ennesimo record di ascolti di questa seconda stagione. Un’anticipazione di quanto si vedrà nell’episodio numero 13 in onda il 10 marzo, quando l’iniziativa avrà un ruolo centrale all’interno della narrazione. Il product placement è perfettamente integrato con il contesto narrativo, nel quale vedremo uno dei medici protagonisti dedicarsi ad un’attività di volontariato, prestando la sua opera durante una tappa dello Street Health Tour. Sarà l’occasione per ribadire l’importanza della prevenzione, nonché la centralità dei check up medici preventivi che, spesso, sono fondamentali per diagnosticare in anticipo patologie anche gravi e, di conseguenza, salvare vite umane. Dalla serie alla realtà, il richiamo è agli oltre 17.500 check up medici gratuiti che la Fondazione ANIA ha effettuato in meno di 5 anni di attività del tour.Il progetto che ha visto protagonista la Fondazione ANIA all’interno della seconda stagione di Doc – Nelle tue mani è un esempio del nuovo modo di comunicare del settore assicurativo italiano che ha scelto modalità innovative per diffondere in maniera sempre maggiore una nuova cultura della prevenzione e della protezione.