Italiani sempre più connessi, le App di Poste “dominano” sugli smartphone

Share

Sono sempre di più gli italiani che si affidano ad internet per le azioni quotidiane: lo conferma una ricerca di Comscore citata dal sito di Repubblica che sottolinea come negli ultimi due anni, complice anche le restrizioni della pandemia, il nostro tempo trascorso sul web sia aumentato del 12%. In prima fila, ovviamente, le app di utility: in particolare è boom per quelle di Poste Italiane (nella foto, il condirettore generale Giuseppe Lasco), visto che le due App Ufficio Postale e Poste ID sono in cima alla top 10 di quelle più utilizzate, dietro soltanto ad IO, la app nata per la semplificazione dell’utilizzo dei servizi della Pubblica Amministrazione.

Ufficio Postale: gli sportelli a portata di click

Fra le app preferite dagli italiani c’è dunque Ufficio Postale, pensata da Poste per raggiungere con pochissimi click alcuni servizi fondamentali, come prenotare il turno all’Ufficio Postale più vicino; prenotare spedizioni e ritiri, scoprendo anche dove poter ritirare pacchi in giacenza; inviare pacchi e valige in tutta Italia, ma anche lettere e raccomandate,  scegliendo il miglior costo e la modalità di consegna preferita. Ed ovviamente si può completare pagando in tutta sicurezza, inquadrando con la fotocamera dello smartphone il bollettino e l’avviso di pagamento, oppure selezionando la tipologia di pagamento e compilando i campi richiesti

Poste ID: l’identità digitale in pochi minuti

L’altra app di successo è Poste ID, ovvero lo strumento messo a disposizione da Poste Italiane per la creazione dell’Identità digitale, ormai necessaria per accedere alla gran parte dei documenti e servizi della pubblica amministrazione e dei privati aderenti allo Spid. Semplice e innovativa, permette anche di accedere ai servizi abilitati in modo sicuro e veloce attraverso il QR Code.

Gli italiani sul web: tanti giovani, ma non solo

La ricerca di Comscore sottolinea che sono 40,9 milioni gli italiani che accedono ad internet, un dato in crescita anche se ancora molto lontano dai paesi anglosassoni. La media giornaliera passata in rete dagli italiani nel 2021 è di 2 ore e 37 minuti. La generazione 18-24 anni passa 3 ore e 17 minuti con un +22% rispetto al 2019 mentre, gli over 45 trascorrono 2 ore e 25 minuti al giorno, con un +15% sul 2019. Riguardo invece a cosa scelgono sul web gli italiani, Comscore nota una “progressiva polarizzazione e differenziazione delle diete mediatiche degli Italiani rispetto alla variabile generazionale”. In particolare, il confronto fra televisione e web vede nettamente in vantaggio quest’ultimo nella fascia 18-24 anni (65%), con una netta preferenza per i video, che da soli occupano il 30%. Il web è però in risalita anche nella fascia 25-35 anni, dove prevale ancora la tv ma con appena il 45%.

Postenews.it