La stimolazione cerebrale profonda può essere utile contro depressione

Share

Dopo gli ultimi risultati deludenti, diversi studi stanno riportando l’attenzione sulla stimolazione cerebrale profonda (DBS) come aiuto per i pazienti la cui depressione resiste al trattamento con farmaci. Questa tecnica consiste in fili impiantati chirurgicamente che stimolano il cervello.  La DBS è già stata approvata negli Stati Uniti per il trattamento dell’epilessia, del disturbo ossessivo compulsivo e dei disturbi del movimento come il morbo di Parkinson. Ora, i ricercatori stanno testando tecniche DBS più sofisticate e personalizzate che sperano diano risultati migliori. I test fino ad oggi hanno coinvolto solo uno o pochi pazienti, lontani dalla prova di efficacia. I primi studi senza gruppi di controllo hanno prodotto risultati promettenti, ma due studi randomizzati e controllati, sponsorizzati dalle aziende di dispositivi medici Medtronic e St. Jude Medical, Inc. (che è stata successivamente acquisita da Abbott Laboratories) non hanno mostrato benefici significativi dopo diversi mesi di DBS , squadre segnalate nel 2015 e nel 2017.Il follow-up a lungo termine dei partecipanti ha ravvivato un certo ottimismo. Ad esempio, molte persone nello studio Medtronic a 30 partecipanti sono migliorate in 1 anno o più, oltre la tempistica dello studio iniziale, afferma lo psichiatra della Stanford University Mahendra Bhati, un ricercatore coinvolto nella ricerca. Il mese scorso, lui e i suoi colleghi hanno pubblicato uno studio di follow-up su otto pazienti dello studio, la maggior parte dei quali continua a utilizzare il proprio impianto circa 10 anni dopo. Circa la metà ha avuto almeno un miglioramento del 50% rispetto al punteggio pretrattamento su una scala di depressione. Helen Mayberg, neurologa presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai che ha aperto la strada all’uso della DBS nella depressione, avverte che per essere ampiamente utilizzata nella clinica, la DBS dovrà anche essere conveniente e abbastanza semplice. Il suo team ha identificato un’area vicino alla parte anteriore del cervello chiamata cingolato subcalloso (SCC) come hub in una rete collegata alla componente dell’umore negativo della depressione. Uno degli studi randomizzati interrotti, noto come BROADEN, mirava a testare la stimolazione del SCC come trattamento della depressione. Mayberg sospetta che sottili differenze nel punto in cui i chirurghi hanno posizionato gli elettrodi rappresentino gran parte della variazione nei risultati dei pazienti in quello studio. Quindi il suo gruppo e altri ora usano un approccio MRI chiamato trattografia per visualizzare le posizioni dei fasci nervosi e degli elettrodi bersaglio in modo più preciso. Mayberg sta anche monitorando come il cervello risponde a questa stimolazione più precisa, sperando di identificare le risposte neurali che predicono se e quando i sintomi di una persona miglioreranno. Sulla rivista Translational Psychiatry, lei e i suoi colleghi descrivono un cambiamento nell’attività del cingolato subcalloso durante la stimolazione cerebrale in sala operatoria che si correla con la risposta al trattamento nella settimana dopo l’intervento chirurgico in sette pazienti studiati. Il neuropsicologo Isidoor Bergfeld e i colleghi dell’Amsterdam University Medical Center stanno testando impianti DBS guidati dalla trattografia in un’altra parte del cervello implicata nella depressione nota come ramo superolaterale del fascio del proencefalo mediale. Bergfeld mira a reclutare 24 pazienti e prevede risultati in 2 o 3 anni. Spera che i dati della sperimentazione del suo gruppo e di uno studio simile in corso in Germania possano essere combinati per supportare l’approvazione normativa nell’Unione Europea per la depressione.