Infobip distribuisce le stock option ai dipendenti di tutto il mondo

Share

Infobip, società globale che offre la piattaforma di comunicazione cloud per il customer engagement e leader nelle soluzioni CPaaS, annuncia il lancio di ESOP (piano di stock option per i dipendenti) per tutto il personale, permettendo di partecipare al valore che contribuiscono a creare. La cultura e il talento sono sempre stati la forza trainante del successo di Infobip, e questo annuncio dimostra il suo impegno verso una filosofia di inclusione che costituisce la base per il suo futuro come azienda.

La decisione arriva dopo un periodo di espansione a seguito delle acquisizioni di Peerless Network e OpenMarket, rispettivamente voice provider e società di messaggistica statunitensi, Anam, fornitore di firewall SMS, e del franchising Shift Conference. Tappe cruciali nella fase di crescita della società.

Tutti i dipendenti a ogni livello e in ogni ufficio che attualmente non fanno parte del piano ESOP verranno automaticamente iscritti. Le stock option saranno disponibili per circa 2.500 membri aggiuntivi del team, mentre tutti i futuri nuovi assunti saranno direttamente qualificati. Il piano ESOP viene integrato alle attuali retribuzioni dei dipendenti.
“Come parte fondamentale della proposta di valore per i dipendenti, ESOP è l’iniziativa più importante che ricompensa il personale per il suo costante impegno alla crescita dell’azienda con un riconoscimento che va oltre lo stipendio”, ha dichiarato Silvio Kutić, nella foto, CEO di Infobip. “Per noi è un onore e un privilegio poter coinvolgere tutto il personale nel nostro percorso verso la quotazione. Già alcuni anni fa abbiamo iniziato a seguire questa linea estendendo ESOP ad alcuni collaboratori chiave, ma oggi è diventato un beneficio universale. In questo momento siamo in una fase di crescita esponenziale e dobbiamo essere sicuri che tutti siano coinvolti nel nostro ambizioso piano di crescita. In questo modo i dipendenti potranno creare valore, non solo per l’azienda, ma anche per loro stessi”.