Poste Italiane e Confesercenti insieme per supportare le Pmi dell’Emilia Romagna

Share

Poste Italiane (nella foto, il condirettore generale Giuseppe Lasco) e Confesercenti hanno firmato un accordo per l’offerta di servizi digitali innovativi a supporto delle piccole e medie imprese associate.
 
Grazie alla capillarità della rete di Poste Italiane, che nella regione Emilia Romagna è presente con 889 Uffici Postali e al ruolo di Confesercenti, una delle principali associazioni imprenditoriali in Italia, i circa 35.000 imprenditori dell’Emilia-Romagna attivi nei settori del commercio, del turismo, dell’artigianato e dei servizi, potranno beneficiare dei molteplici servizi finanziari e digitali di Poste Italiane.
 
Le 35.000 piccole e medie imprese della Regione avranno inoltre la possibilità di gestire facilmente gli incassi tramite le innovative modalità di pagamento “PostePay Tandem – POS Fisico e Mobile POS e Codice Postepay”, il servizio di incasso digitale per accettare pagamenti sia nel punto vendita che a distanza senza bisogno di dotarsi di POS tradizionale.
 
“È una convenzione – dichiara Dario Domenichini, Presidente di Confesercenti Emilia -Romagna – che arricchisce ulteriormente l’offerta di servizi alle imprese di Confesercenti, dando vantaggi interessanti soprattutto alle aziende di piccola e media dimensione, in una situazione complessiva che continua, purtroppo, ad essere di grande difficoltà e che necessita di grandi sforzi per cercare di rimanere sul mercato in modo competitivo”.
 
Inoltre, sarà garantito a tutti gli aderenti un servizio di consulenza finanziaria per le persone fisiche.
Ulteriore opportunità prevista dall’accordo di Poste Italiane è infatti l’adesione all’offerta Poste Premium che aiuta gli imprenditori a gestire esigenze specifiche per il proprio patrimonio personale grazie ai servizi: Consulente Premium, Reportistica Avanzata, Piattaforma evoluta, Gamma prodotti estesa e selezionata, Passaggio generazionale e check up immobiliare, Service desk dedicato, Premium Family.
 
L’accordo avrà durata di 24 mesi e ribadisce il ruolo cruciale di Poste Italiane a sostegno delle piccole e medie imprese del territorio nella fase di ripartenza dell’economia del Paese.