Allarme falso Made in Italy nel mondo: ha superato il valore di 100 mld

Share

Ha superato i 100 miliardi di euro il valore dei falsi Made in Italy nel mondo. E’ il calcolo di Coldiretti, secondo cui “i più attivi taroccatori del cibo Made in Italy nel mondo sono i paesi ricchi ed emergenti del G20 che approfittano della pandemia per sostituire i prodotti tricolori con imitazioni di bassa qualità”.
 In occasione del G20 dell’agricoltura di Firenze, in Piazza Santa Croce è stata allestita una grande mostra delle più incredibili imitazioni dei veri prodotti italiani scovati nei 20 Paesi partecipanti al Summit sull’agricoltura di Firenze. Un denuncia pubblica per chiedere ai grandi della Terra un intervento immediato contro un fenomeno vergognoso che ha un impatto devastante sull’economia nazionale e ha già raggiunto valori pari a a più del doppio delle esportazioni agroalimentari Made in Italy. Se gli argentini si sono specializzati nella produzione di formaggi che richiamano alle nostre Dop più prestigiose – spiega Coldiretti – come il Reggianito o il Grana Pampeana, magari “innaffiati” da Marsala fasullo e Bordolino Vino Tinto, in Australia va forte il Perfect Italiano Parmesan, tarocco del nostro Parmigiano reggiano, da grattugiare sopra le San Remo Penne. Anche il Brasile è una miniera di falsi che vanno dalla Mortadela al Parmesao fino al Caccio Cavalo, così come i canadesi che non si vergognano di vendere prodotti come il Veneto Salami o il provolone e il montasio “made in acero”, fino al kit di polveri per fare il Chianti. Ma pure l’asse franco-tedesco – continua Coldiretti – è attivo nel campo dei tarocchi alimentari tra Spaghetti Bolognese e Torti carbonara rigorosamente transalpini e Cambozola, Zottarella e (storpiature dei nostri gorgonzola e mozzarella) germanici, così come Perisecco e Meer Secco parenti poveri del vero Prosecco.
In Cina, che invade l’Italia di derivati di pomodoro, si preferiscono paradossalmente le passate tricolori, almeno di nome, come il Gino Tomato Paste o il Ciao Doppio Concentrato. Non fanno eccezione paesi come il Messico, dove si fanno i Tortellonis, la Corea del Sud che mette in tavola i Chapagetti o il Sudafrica del Mascarpone e dell’Olio di Oliva Vesuvio. Neppure i turchi disdegnano di fare una mozzarella ma tra i nuovi taroccatori ci sono – aggiunge la Coldiretti – pure i russi, dove per soddisfare la fame di italianità dopo l’embargo sui prodotti tricolori è nata una fiorente industria tra Parmesan Dolce e salame Milano.  La pandemia ha dato ulteriore impulso al consolidato mercato del falso inglese e statunitense, comn kit per fare formaggi e vini e veri e propri orrori come il Chianti Classic, il Romano Cheese, lo Sharp Provolone/Fontina, lo Spicy Thai Pesto e l’immancabile Parmesan. Il risultato è che per colpa del cosiddetto “italian sounding” nel mondo – stima la Coldiretti – più due prodotti agroalimentari tricolori su tre sono falsi senza alcun legame produttivo ed occupazionale con il nostro Paese.
 Con la lotta al falso Made in Italy a tavola – afferma la Coldiretti – si possono creare ben 300 mila posti di lavoro in Italia.
Ma a pesare sull’immagine del Made in Italy a tavola sono anche – denuncia Coldiretti – le ricette dei più famosi piatti della tradizione culinaria ignobilmente storpiati Un esempio sono proprio i ristoranti italiani all’estero dove sono serviti ingredienti Made in Italy taroccati  – denuncia Coldiretti – e ad essere portate in tavola sono le più bizzarre versioni delle ricette tradizionali, come l’abitudine belga di usare la panna al posto del pecorino nella carbonara, quella tedesca di impiegare l’olio di semi nella cotoletta alla milanese, quella olandese di non usare il mascarpone nel tiramisù, fino agli inglesi che vanno pazzi per gli spaghetti alla bolognese che sono del tutto sconosciuti nella città emiliana mentre gli americani utilizzano il parmesan al posto di Parmigiano Reggiano e Grana Padano.